cerca

La crisi del populismo europeo e i dubbi italiani. Intervista a Bossi e Salvini

Urlare non basta. “Sono stati puniti quelli che sono semplicemente ‘contro’, che non governano, che non incidono, quelli come Farage. Ed è possibile un reflusso della marea eurofobica in tutto il continente. L’Europa è furba, comincia a sganciare del grano", dice l'ex leader leghista.

9 Maggio 2015 alle 06:15

La crisi del populismo europeo e i dubbi italiani. Intervista a Bossi e Salvini

Umberto Bossi con Matteo Salvini (foto LaPresse)

Roma. “Sono stati puniti quelli che sono semplicemente ‘contro’, che non governano, che non incidono, quelli come Farage. Ed è possibile un reflusso della marea eurofobica in tutto il continente. L’Europa è furba, comincia a sganciare del grano. E così tutta quella roba, quella schiuma, rischia di afflosciarsi, se non riesce a farsi governo ma rimane semplice protesta”. E Umberto Bossi pronuncia queste parole con un tono da veterano dell’eterna guerra tra l’istinto e la logica, tra le viscere e l’opportunità politica, un conflitto che lui aveva risolto urlando, sì, ai tempi d’oro della Lega, quando mostrava il dito medio, ma quando pure governava, a Roma, e sempre mosso dall’idea che in fondo basta allungare un braccio per cogliere un’occasione. “Gli scozzesi di Sturgeon, gli indipendentisti, a queste elezioni britanniche sono andati benissimo, al contrario di Farage. E non sono meno duri con l’Europa”, dice. “Sono andati meglio perché sono riusciti a trasformarsi in forza di governo, d’amministrazione territoriale, perché incidono sugli equilibri di potere, come seppe fare anche la Lega. Urlare e basta non serve a niente. L’Inghilterra si è tirata fuori dalla recessione con Cameron, che prometteva il referendum per uscire dall’Unione europea, ma intanto riduceva anche la spesa pubblica e rilanciava l’economia”. E forse davvero soltanto Bossi, con il suo partito di secessione e di governo, ha fatto eccezione nel nulla rumoroso dei neopopulismi della destra territoriale che in Europa non hanno mai governato e che, adesso, con la ripresa economica, sembrano senza carburante ideologico. L’Ukip di Nigel Farage, è notizia di ieri, il partito indipendentista inglese, il movimento che aveva fatto il botto alle ultime europee, quasi non esiste più. “Farage è un fenomeno transitorio”, dice Bossi. Farage è l’alleato di Grillo a Bruxelles. “Anche Grillo sarà un fenomeno transitorio, se non cambia mosse”. E Matteo Salvini? “Salvini è intelligente”.

 

Scrive Antonio Rapisarda in un libro intitolato “All’armi siam leghisti”, in uscita martedì prossimo per Aliberti: “La crisi politica del 2011, da cui ha preso inizio la stagione dell’austerità, ha spostato l’asse della protesta sull’euro fino a diventare il tema dei temi per Matteo Salvini”. Ed ecco la domanda: se la crisi finisce, come sembra, che ne sarà dei partiti che nel loro guardaroba hanno la felpa “basta euro”, che ne sarà di Grillo, e che ne sarà di Salvini e del suo “sovranismo”, neologismo della nuova destra di popolo? “Cameron ha vinto, e ha vinto sull’immigrazione e sull’Europa, con parole più dure delle nostre”, risponde lui, Salvini. Obiezione: Cameron ha vinto perché ha governato, perché l’Inghilterra è il paese che cresce di più in tutto il G7. La Lega finora non si è presentata come un’alternativa di governo: ha fatto una mezza baruffa con Berlusconi per le alleanze alle regionali, ha rifiutato Alfano… E’ come se non vi interessasse governare, ma galleggiare sulla cresta degli arrabbiati. “Non è così”, risponde Salvini, che è abbastanza agile da far pensare d’essere in grado, come ha scritto tempo fa anche Giovanni Orsina, di sottoporsi a un’opportuna revisione genetica dell’ultimo istante, in caso d’elezioni. “Noi un modello di governo ce l’abbiamo. Governiamo la Lombardia e il Veneto, che sono le due più ricche regioni d’Italia”, dice. “Quando sarà il momento, se e quando ci saranno le elezioni, vedrete che saremo in grado di sfidare Renzi. Questo non mi preoccupa. Possiamo e vogliamo essere un’alternativa di governo. Io voglio esportare in Italia il modello Lombardo-Veneto di Zaia e Maroni, che significa una certa idea della tassazione, del Sistema sanitario e dell’aiuto alle imprese”. E nella flessuosità con la quale Salvini risponde alle obiezioni c’è forse quel camaleontico talento cui alludeva anche Bossi quando diceva che “Salvini è intelligente”, cioè ha fiuto, e insomma alla fine potrebbe rinfoderare persino l’eurofobia, se necessario. Ma intanto se la Lega perde il Veneto – si vota il 31 maggio – è un po’ finita, ancora prima di cominciare, come per Farage. “E invece sarà un referendum alla scozzese”, dice Salvini. “E lo stravinciamo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi