cerca

Centro spirituale

“Lo spettacolo è deprimente”. Ma “il popolo degli onesti deve assolutamente reagire senza deprimersi”. Tutto si può dire del presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, tranne che sia un politico di visioni strategiche.

19 Marzo 2015 alle 12:18

Centro spirituale

Il card. Angelo Bagnasco (foto LaPresse)

Milano. “Lo spettacolo è deprimente”. Ma “il popolo degli onesti deve assolutamente reagire senza deprimersi”. Tutto si può dire del presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, tranne che sia un politico di visioni strategiche. Ma il suo commento, segnalato ieri con evidenza sulla prima di Avvenire, a proposito dell’inchiesta fiorentina che, se non travolgerà, di certo ha già ammaccato l’immagine di Maurizio Lupi, uno degli ultimi politici al cui nome possa essere associata anche un’identità religiosa, dice alcune cose. Dice il disamore della chiesa italiana per la politica e soprattutto per quei tentativi di mantenere aperti – lontani dai grandi partiti culturalmente omnibus, o magari anche nullibus – spiragli di una visione politica e culturale autonoma, ispirata ai valori eterni di quel centrismo moderato che per comodità, o per pochezza nazionale, oggi si indicano come “del Ppe”: dignità della persona, solidarietà, sussidiarietà, famiglia.

 

E’ facile, anche corretto, dire che il Nuovo centrodestra sia il risultato di valori ministeriabili, più che non negoziabili. Ma non andrebbe dimenticato che i primi strappi dal Pdl avvennero nella bufera delle battaglie moraliste sul Cav. E che tra i leader, oltre all’ex giovane dc Angelino Alfano, ci sono alcuni dei pochi cattolici identitari, pur diversi, della politica italiana. Oltre a Lupi, Gaetano Quagliariello e Carlo Giovanardi, per dire. Che non hanno mai nascosto, fin dalla nascita di Ncd, l’ambizione di traghettare quel tipo di componente politica verso future aggregazioni migliori. Ora si registra una distanza di anni luce dalla fase in cui la Cei cullava i tentativi neocentristi di Todi. E non è sfuggito che il più cattolico del governo, Graziano Delrio, sia stato il più lesto a dire che Lupi stava “valutando” le dimissioni. Né sfugge la freddezza di quello strano cattolico politico che è Renzi. Ieri in Senato il voto dei cattolici centristi ha “evitato il divorzio breve stile Las Vegas” (Renato Schifani). Chissà se Bagnasco se n’è accorto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi