cerca

Lontani da Afrin

Cinquantacinque giorni di resistenza all'esercito turco. Ora l’intera popolazione civile cerca l'estremo scampo 

16 Marzo 2018 alle 06:21

Lontani da Afrin

Curdi in fuga da Afrin. Foto LaPresse

Il 20 gennaio, con l’intera complicità delle potenze disposte a fargli da palo, l’esercito turco, “il secondo esercito della Nato”, aveva varcato il confine per terra e per cielo annunciando il castigo di Afrin nel giro di una manciata di giorni. Una resistenza solitaria, sicura della sconfitta e del sacrificio, gli ha tenuto testa finora per cinquantacinque giorni. Ora l’intera popolazione civile di Afrin, alcune centinaia di migliaia tra residenti e sfollati, curdi in maggioranza, cerca l’estremo scampo dalle bombe, dalla sete, dalle malattie dell’assedio turco, ennesimo paesaggio da lontano pietoso e indifferente. Poi sarà la volta di Manbij, e dei suoi 2 mila marine in via di docile trasferimento. Poi del resto del Rojava. Ogni volta di nuovo si misura il legame e insieme la distanza fra una popolazione e i suoi combattenti. Si può immaginare qui una “non resistenza al male”? La si può suggerire, da lontano? “Da lontano”, si è lontani dalla gente dispersa e disperata quanto dall’abnegazione dei combattenti. Da lontano si è al sicuro, e ci si accapiglia sulla sicurezza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    16 Marzo 2018 - 14:02

    La sorte Kurda è la nostra. Mi sento impotente e mi vergogno del mio paese natío, del mio paese modello, del mio paese ospitante. L'unico Paese e Popolo che mi rimane e cresce nel cuore è Israele. Mi sento Kurda e Israeliana. L'Occidente che perde contro zar e ayatollah non lo riconosco più. Fa paura.

    Report

    Rispondi

Servizi