La Turchia avanza sui curdi di Afrin e le grandi potenze osservano

Così la guerra al confine infiamma quella fra esercito turco e curdi del Pkk

23 Gennaio 2018 alle 06:01

La Turchia avanza sui curdi di Afrin e le grandi potenze osservano

Le truppe turche avanzano verso Hassa, nella provincia di Hatay (foto LaPresse)

Fra i nomi che gli aggressori danno alle loro operazioni guerresche quello che la Turchia di Erdogan ha dato all’offensiva contro l’enclave curdo-siriana di Afrin resterà memorabile per impudenza e ovvietà: “Ramo d’olivo”. L’hanno porto, il ramoscello, bombardamenti di caccia e artiglieria e avanzata di carri ammassati da tempo al confine. Notevole è anche la dichiarazione di Erdogan: “Non siamo soli: Allah è con noi”. Anche a non voler ricordare la traduzione tedesca – “Gott mit uns” – bisogna pur ricordare che le popolazioni coinvolte dentro e attorno a quel territorio sono nella stragrande maggioranza anch’esse musulmane. In teoria la Turchia è davvero isolata: la Damasco di Bashar al Assad chiama l’offensiva turca terrorista; il grande protettore russo la deplora (ma ritira i suoi osservatori e le sue truppe per dare via libera ai turchi in terra e più ancora nel cielo); gli americani, partner di Ankara (come noi) nella Nato, stanno coi curdi siriani del Rojava che hanno liberato Raqqa, ma per ora fischiettano distrattamente. La Francia ha chiamato alla convocazione d’urgenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per fermare l’avanzata su Afrin: fatto compiuto che come mai altri era stato annunciato minacciato e ostentatamente preparato da mesi, e via via più stentoreamente. La sicurezza e l’urgenza guadagnerebbero a essere evocate prima che i fatti divenissero compiuti. Afrin è al centro di un piccolo distretto nel governatorato di Aleppo, però strategicamente decisivo per l’utopia di una striscia curda che dal Rojava di Qamishli arrivi al Mediterraneo. Dopo quattro giorni i civili ammazzati sono già numerosi, e i militari anche: da parte curda si rivendica di aver ucciso anche “un gran numero” di militari assalitori. Le “Unità di protezione popolare” (Ypg) e “di difesa delle donne” (Ypj) del Pyd curdo si battono certo strenuamente, facendo appello a una nuova Kobane, consapevoli che per la Turchia schiacciare il cantone di Afrin è il primo passo verso la cancellazione del loro autogoverno nel Rojava, ma lo squilibrio delle forze militari è colossale.

 

E’ inevitabile che la guerra di Afrin esacerbi quella fra esercito turco e curdi del Pkk nel sud-est della Turchia. Nel Kurdistan iracheno, che col Rojava curdosiriano confina, Barzani si è limitato a dire che la soluzione pacifica è preferibile, mentre il Puk di Suleymanyah, reduce fresco da fracassi domestici, ha ventilato un intervento volontario accanto ai fratelli di Afrin, aggiungendo che “non è possibile”. Quello che è chiaro è che nel più vasto Medio Oriente ogni potenza regionale si arroga il diritto di attaccare militarmente il suo nemico prediletto senza accettare alcuna limitazione nel diritto internazionale né in calcoli di forze, e tantomeno nel famoso rispetto dei confini ufficiali. Le potenze internazionali fanno lo stesso, senza chiedere permesso lo sbrigativo Putin, in una incresciosa impotenza gli Stati Uniti, non per una maggiore soggezione alla legge ma per la grottesca assenza di scelta politica.

 

Un cambiamento potrebbe venire se la resistenza curda ad Afrin si rivelasse capace di costare alla Turchia un prezzo più caro del previsto. Secondo Erdogan, gli americani gli avrebbero chiesto che l’operazione contro Afrin “non duri troppo”. Era appena successo nel Kurdistan iracheno, invaso dall’Iran per interposta Baghdad col beneplacito della “coalizione” a guida americana. Ora tocca ad Afrin, domani si vedrà. E l’Europa? Già, l’Europa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    23 Gennaio 2018 - 18:06

    L'Europa e' una espressione geografica.

    Report

    Rispondi

  • Marco Brambilla

    23 Gennaio 2018 - 15:03

    non è un operazione contro i curdi , ma contro quelli che tengono in ostaggio i curdi, e cioè È un operazione contro le organizzazioni terroristiche come il PKK (PYD YPG YPJ SDF ISIS), il pkk non rappresenta i curdi ! anzi sapevate che le tribù curde si sono ribellate con le armi contro il YPG PYD PKK ISIS? come mai? eh? perchè i curdi si rifugiarono a migliaia nella turchia di erdogan? ERANO IN FUGA DALLE PERSECUZIONI DEL PKK YPG E ISIS! che ci creadiate o no Erdogan e la Turchia sono gli unici che hanno a cuore i popoli CURDI! IL PKK NON RAPPRESENTA I CURDI ANZI LI OPPRIME! nè la prova le torture e gli omicidi subiti dalle famiglie curde, torture ed omicidi fatti DAL PKK PYD YPG in siria! solo in turchia il PKK ha massacrato più 40 mila civili CURDI!

    Report

    Rispondi

  • eulop

    23 Gennaio 2018 - 12:12

    Quid est Europa! ......Enim!!!

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    23 Gennaio 2018 - 10:10

    Un Occidente serio e non pavido, ma non esiste più- gli affari in genere e il petrolio condizionano le scelte- dovrebbe impedire all'antidemocratico Erdogan di bombardare i curdi. Spero che gli Usa si sveglino da loro letargo. Quanto alla Nato, bisognerebbe rimuovere gli attuali dirigenti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi