cerca

Book club - Tutto può succedere

La recensione del film di Bill Holderman, con Jane Fonda, Candice Bergen, Diane Keaton

5 Aprile 2019 alle 20:10

Chiacchieriamo con una scrittrice, a margine dell’autofiction che sta affliggendo le nostre vite da lettori. “Deve essere per via della correttezza politica, se non sei nero non puoi parlare di neri, se non sei donna ti chiedono perché parli di donne, finisci per raccontare i fatti tuoi”. Leggiamo a proposito di “Noi”, l’horror di Jordan Peele (vedi a fianco): Lupita Nyong’o dice di aver imitato, per la voce del suo doppio armato di forbici, chi soffre di disfonia spasmodica. L’associazione dei malati protesta, lei è costretta a chiedere scusa. Leggiamo trama e cast di “Book Club” – circolo di mature signore che dedicano il mese a “Cinquanta sfumature di grigio” di E. L. James, con qualche friccico amoroso coadiuvato dal Viagra – e siamo folgorati. Ecco il genere di film che vedremo d’ora in avanti, a prova di qualsiasi critica. Mature attrici che interpretano mature signore, ambientazione casalinga, la bestsellerista miliardaria (e dire che il romanzo aveva debuttato come fan fiction, per mettere un po’ di fruste e manette dentro “Twilight”) che fa una comparsata come per dire: “avete la mia benedizione”. Infatti il romanzo è trattato con molto riguardo, e non si ride neppure alle frasi che recitano “la mia dea interiore balla il merengue”. Guai a prendersi una libertà, anche minima, sulla vita, qualcuno potrebbe protestare. I mariti divorziati vanno alle Maldive con le giovani fidanzate, mentre le mogli divorziate stanno a casa col gatto, e se vanno su internet rimediano individui poco fascinosi. Ma Candice Bergen che esce sfatta dai sedili posteriori dell’auto è uno spettacolo, in linea con i doppisensi e le battute su “18 anni senza sesso”: “Werner Herzog deve averci girato un documentario, ‘La grotta dei sogni dimenticati’”. Dopo “Mamma Mia! Ci risiamo” (era il mitico Fernando fortunosamente ritrovato da nonna Cher) Andy Garcia è un pilota di aeroplani che corteggia Diane Keaton, vedova con due figlie ansiose. Jane Fonda è la sciupamaschi che ritrova un corteggiatore di gioventù. Mary Steenburgen la donna sposata che fa scivolare la pastiglia blu nella birra del consorte. Il vestito da ragazza con pon non era abbastanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi