cerca

Overboard

di Bob Fisher e Rob Greenberg con Anna Faris, Eugenio Derbez, Eva Longoria, John Hannah

21 Luglio 2018 alle 06:00

Fa da modello irraggiungibile la pièce “Piccoli crimini coniugali” di Eric-Emmanuel Schmitt (verrebbe da aggiungere “dimenticate il brutto film di Alex Infascelli con Sergio Castellitto e Margherita Buy”, ma l’hanno visto talmente in pochi che l’esortazione è superflua). Gilles ha perso la memoria, torna a casa dalla clinica con la moglie Lisa. Lei, amorevole, gli racconta come era la loro vita a due. Lui ascolta e cerca di adeguarsi all’immagine di marito modello. Finché un dubbio comincia a tormentarlo: “Ma era davvero così? E Lisa è davvero mia moglie, o una sconosciuta che finge di esserlo?”

 

I dispetti tra coniugi erano irraggiungibili per scrittura e perfidia. Com’era irraggiungibile, per classe e per bravura degli attori, il film di cui “Overboard” (complimenti per il titolo, davvero allettante e capace di richiamare le masse sotto la calura estiva) è il remake. Uscito nel 1987 con il titolo “Una coppia alla deriva” (già meglio), diretto da Garry Marshall, vantava i magnifici Kurt Russell e Goldie Hawn: lei una signora ricca e capricciosa, lui un falegname alle prese con una scarpiera su misura per lo yacht. La miliardaria una notte finisce in mare e perde la memoria. Il marito ne approfitta per mollarla, dimenticandola all’ospedale. Il falegname, vedovo con quattro figli e un cane, la vede in tv e coglie l’occasione per un po’ di sana vendetta di classe. Si presenta all’ospedale, dice “finalmente ho ritrovato mia moglie, la porto a casa dai bambini”, costringe la poveretta ai peggiori lavori domestici. Il nuovo “Overboard” scambia le parti. Anna Faris ha tre bambini da mantenere, per riuscirci consegna pizze a domicilio e si sfianca facendo le pulizie. Il messicano Eugenio Derbez – agli spettatori italiani ancor più sconosciuto, ma serve per introdurre l’elemento latinoamericano e conquistare negli Usa un po’ di pubblico – la mette a pulire i tappeti dello yacht, dopo una festa innaffiata di champagne. Il miliardario finisce in mare e lo ripescano senza memoria, la sorella lo abbandona per cuccarsi l’eredità intera, la povera ragazza strapazzata decide per la vendetta, reclamandolo come marito. Fotocopia sbiadita, battute stantie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi