Rubare il buon senso

Appropriazione culturale. All’Eurofestival, l’ultima frontiera del pol. corr.

14 Maggio 2018 alle 20:38

Rubare il buon senso

Netta Barzilai (foto LaPresse)

Se sei un’artista israeliana non puoi indossare un costume di scena che ricorda i vestiti tradizionali giapponesi. Si chiama appropriazione culturale, ed è l’ennesima bandiera del politicamente corretto, che ora ha superato i confini delle accademie americane ed è entrata a tutti gli effetti anche nella cultura liberal europea. Il caso viene dalla finale dell’Eurovision Festival, celebre contest canoro per i paesi europei, che si è tenuta sabato scorso. A vincere è stata Netta Barzilai, cantante israeliana di 25 anni, che con la canzone “Toy” ha convinto soprattutto i telespettatori. Netta è un personaggio simpatico, fino a poco tempo fa molto coccolato dai media perché simbolo della resistenza antibullismo, trasformatasi in icona della musica pop “nonostante il mio peso” e nonostante le continue prese in giro, ma non è bastato.

  

 

Quando per la performance finale Netta è salita sul palco con i capelli raccolti come un manga giapponese e un vestito molto simile a un kimono, molti utenti online l’hanno accusata di “furto” culturale. Per ora Netta – appassionata di letteratura giapponese – non ha risposto alle accuse. Però il mantra dell’appropriazione culturale sta diventando un pericolo, proprio per la sua scivolosa definizione. Dove finisce, infatti, la globalizzazione e inizia l’appropriazione? E che ne è dell’arte, si domandava ieri sul South China Morning Post Luisa Tam, che è fatta di furti da altre culture, espressione di diversità? “Sembra una sorta di fuorviato senso nazionalista, o perfino un recondito sentimento xenofobo”, scrive Tam, a proposito di una ragazzina dello Utah tormentata sui social per le sue foto in cheongsam, l’abito tradizionale cinese. Di questo passo, anche citare Confucio sarà un’appropriazione culturale?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi