cerca

La fahrenheit di Erdogan

Dai libri censurati alle parole eliminate. Sembra il romanzo di Ray Bradbury, è la Turchia reislamizzata. Antonia Arslan: “Sta decapitando la cultura in funzione antioccidentale”

25 Settembre 2017 alle 13:11

La fahrenheit di Erdogan

Foto LaPresse

Fine agosto, Madrid. Su richiesta di Ankara, l’Interpol arresta un grande scrittore turco in vacanza in Spagna, Dogan Akhanli, colpevole di aver ambientato il suo romanzo “Kiyamet Gunu Yargiclari” (I giudici del Giudizio universale) durante il genocidio armeno. Nel 2010, Akhanli era già stato fermato a Istanbul, dove era volato per far visita al padre morente. Pochi giorni prima, a Barcellona, le autorità spagnole avevano arrestato un altro scrittore turco, Hamza Yalcin, reo di scrivere per un quotidiano di sinistra,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi