cerca

Benessere in polvere

Pranzi liofilizzati, cene in pasticche e beveroni come spuntini. Anche questa estate vi hanno fregato

13 Settembre 2018 alle 11:04

Benessere in polvere

hadiep.co by Flickr

Il seguente articolo è stato pubblicato su Il Foglio Sportivo.

L’estate del 2018 è agli sgoccioli e anche quest’anno tante aziende (anzi, “grandi famiglie” o “comunità”, come amano definirsi) ne hanno approfittato per vendere diete.
Diete fatte di prodotti preconfezionati, polveri e beveroni.
Diete che oltre a seguire devi vendere agli altri, diete per cui carne, pesce, verdura e frutta fresca non esistono più ma ci sono solo “bevande al gusto di”.
Diete per cui se non vivi secondo il loro stile di vita e non condividi il tuo cambiamento sui social network (che è pubblicità gratuita per loro) non vuoi “bene al tuo corpo” o non sei “ready” per “the challenge”.
Diete che ti fanno il lavaggio del cervello e ti portano a farlo agli altri.
Nello specifico, in queste diete vengono proposti solitamente dei protocolli alimentari ipocalorici e privi di carboidrati, i quali generano una forte richiesta di energia da parte del corpo e una conseguente lotta per la sopravvivenza che porta il nostro organismo a utilizzare le proprie scorte: i grassi ma, attenzione, anche i muscoli.
La diminuzione della massa muscolare provoca un rallentamento del metabolismo che, come potrete dedurre, è l’obiettivo opposto di un corretto regime alimentare.
Nel concreto? Si perdono tanti chili che saranno riacquistati con gli interessi quando si sospenderà tale dieta e si ritornerà a un regime alimentare incontrollato.
Questi meccanismi fisiologici sono molto delicati e possono essere correttamente utilizzati solo in casi specifici, pensati e controllati da uno specialista vero (con anni di studi alle spalle, un titolo e quelle buffonate lì).
Per tutte queste ragioni la sentenza non può che essere severa: è solo un business, una commercializzazione della salute che salute non vende poiché non tiene conto dell’individuo singolo come di un sistema irripetibile a cui è necessario applicare uno schema alimentare soggettivo e ricco di prodotti naturali piuttosto che di benessere liofilizzato.

Buona mangiata a tutti.

Giacomo Astrua

Agonista di professione. Ho vissuto e vivo lo studio, lo sport e il lavoro come un agonista. Nato a Torino. Quarto di cinque figli. Sposato da un anno. Padre. Mi sono dedicato per tre anni alle malattie metaboliche per poi abbracciare del tutto la mia passione per lo sport lavorando come dietista sportivo per atleti olimpici, calciatori di massimo livello e per la FIAT Torino Auxilium.
In Cibo Veritas nasce per questa passione, questo agonismo per il mondo della nutrizione e per il cibo!
Buona mangiata a tutti.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi