cerca

Non illudetevi, la guerra può tornare

Un grande storico spiega come sono cambiati i conflitti, scrive il City Journal 

27 Marzo 2017 alle 18:52

Non illudetevi, la guerra può tornare

I corazzieri di Nansouty attaccano i quadrati di guardie russe a sinistra di Semyanovskaya nella battaglia di Borodino. Dettaglio di Panorama di Borodino di Franz Roubaud, 1912

"Le grandi battaglie a volte cambiano interi conflitti in una questione di ore, alterando la politica e il destino di milioni di persone”. Parte da qui il saggio di Victor Davis Hanson, uno dei più grandi storici militari, l’autore per Garzanti di “Massacri e cultura”. “Se i greci avessero perso con la loro flotta a Salamina nel 480 a.C., invece di sconfiggere gli invasori persiani, la storia della polis sarebbe potuta finire, e con esso la civiltà occidentale sarebbe stata vulnerabile fin dagli inizi. Se i Confederati avessero rotto le linee dell’Unione a Gettysburg e ricacciato indietro Washington, Abraham Lincoln avrebbe affrontato enormi pressioni per risolvere la guerra civile in base allo status quo ante bellum. Se la ‘Band of Brothers’ fosse stata respinta in Normandia, la mattina del 6 giugno 1944, sarebbe stato difficile immaginare un’enorme invasione via terra subito dopo. Durante la prima metà del XX secolo, i combattimenti più distruttivi hanno fatto la storia militari: Iwo Jima, Kursk, Marne, Meuse-Argonne, Okinawa, Passchendaele, Somme, Stalingrado, Verdun. Oggi il mondo sta chiaramente godendo di una tregua dalle grandi battaglie. Molto più comune che nel passato oggi sono le guerre asimmetriche tra grandi militari occidentalizzati e i terroristi meno organizzati, gli insorti e i pirati: l’Afghanistan, Grozny, Iraq, Kashmir, Mogadiscio, la costa somala. Anche la ‘madre di tutte le battaglie’ nella guerra del 1991 a Medina Ridge ha coinvolto centinaia di veicoli blindati, ma è durato poco più di un’ora, e gli americani non hanno sofferto feriti dal fuoco nemico né un singolo carro armato Abrams distrutto. Il modello di gran lunga più usuale del conflitto arabo-israeliano è stato il terrorismo, l’Intifada”.


Perché la battaglia classica è diventata così rara? Certamente a causa della tecnologia. “Il campo di battaglia può ora essere visto e mappato fino al più piccolo sasso attraverso la fotografia aerea, spesso da droni senza pilota che aggiornano le immagini secondo dopo secondo”. Ma pesa un fattore culturale. “L’attuale convinzione in occidente secondo cui la guerra è innaturale, prevenibile. Il bombardamento delle brigate irachene dal Kuwait sulla cosiddetta autostrada della morte nella prima guerra del Golfo è stato fermato dalla indignazione popolare a causa della carneficina vista in televisione. I bombardamenti della Russia su Grozny sono sfuggiti alla condanna solo perché il silenzio stampa ha assicurato che gli occidentali vedessero ben poco”. Eppure, le grandi battaglie potrebbero tornare. “I militari degli Stati Uniti si preparano a tutti i tipi di sfide convenzionali, nel timore che l’esercito popolare della Corea possa sciamare attraverso la zona demilitarizzata di Seul, o che l’Armata Rossa cinese possa prendere d’assalto la spiagge di Taiwan. Le Waterloo e le Verdun potrebbero tornare. E queste collisioni sarebbero spaventose come mai prima”.

 

Victor Davis Hanson, City Journal (12/3/2017)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi