cerca

L’incubo di un mondo disegnato a immagine di Davigo

Agenti provocatori, molte manette, niente stato di diritto 

24 Febbraio 2018 alle 06:25

L’incubo di un mondo disegnato a immagine di Davigo

Piercamillo Davigo (foto LaPresse)

Roma. Poiché non maneggia le astrattezze delicate del dubbio, ma vive di sole certezze, allora dice con svagata innocenza che “l’Italia è corrotta e gli agenti provocatori sono indispensabili”. E mentre pronuncia queste parole, intervistato da Repubblica, lascia pure intendere che i cauti, gratta gratta, sono dei mezzi collusi. E insomma per il dottor Piercamillo Davigo tutti quelli che un po’ temono la figura dell’agente provocatore, l’incaricato dallo stato di misurare il grado di corruttibilità e integrità morale di ciascuno di noi, ebbene tutte queste persone, sotto sotto, giudici, avvocati e professori di Diritto, sono in realtà degli amici dei criminali. E’ un’evoluzione di quanto diceva padre Pintacuda, il gesuita palermitano secondo il quale il sospetto è l’anticamera della verità: dubbio, cautela, limiti e garanzie non sono che il lubrificante della delinquenza.

 

E così, di conseguenza, il dottor Davigo finisce col disegnare nell’aria i tratti del suo vero bersaglio, che non è certo il delinquente (quello è solo una questione di tempo: verrà arrestato), ma è piuttosto un tipo che somiglia a Davigo, che si muove nel suo stesso ambiente, eppure la pensa in modo diametralmente opposto, cioè Raffaele Cantone, il capo dell’Autorità anticorruzione, che tre giorni fa scriveva al Corriere della Sera: “Uno stato che mette alla prova il cittadino per tentarlo e punirlo se cade in tentazione non riflette un concetto di giustizia liberale”. Non a caso, allo stato di diritto citato da Cantone, Davigo contrappone su Repubblica la mostruosità del Leviatano: “Thomas Hobbes ha scritto che il termine tirannia significa né più né meno ciò che significa sovranità. Solo che chi è in collera con il sovrano lo chiama tiranno”. E insomma Locke, dice Davigo, può andare a farsi friggere, tutte bazzecole, sottigliezze: la tirannia e il totalitarismo non esistono di per sé, sono soltanto nell’occhio di guarda. Dunque se hai paura dell’agente provocatore è perché temi di essere scoperto. E infatti per il dottor Davigo i controlli preventivi, quelli messi in campo dall’Anac, sono una complicazione inutile, solo un impedimento al libero sfogo delle manette, quasi una scusa per non arrestare i delinquenti. Le cose dovrebbero andare per le spicce, poche ciance, dice Davigo: “Per contrastare la corruzione bisogna mandare i poliziotti a offrire denaro ai politici e arrestare chi accetta”. Perché fare mille leggi, codici e controlli, quando basta avere in una tasca la mazzetta e nell’altra le manette? Perché evitare i crimini, quando puoi indurli?

 

Lo chiamano il dottor sottile, ma forse il dottor Davigo non è poi così sofisticato. In diverse occasioni ha lui stesso raccontato che il diritto, più che averlo appreso dai codici di procedura e dai testi universitari, lo ha imparato da bambino a suon di ceffoni. “Quando avevo cinque anni mi hanno insegnato in una sola occasione due concetti giuridici fondamentali. Giocavo a tirare i sassi contro un muro. E mi hanno detto ‘smettila che finirai per rompere un vetro’. Io ho continuato, finché non mi è arrivato un ceffone tremendo. Accompagnato dalla frase: ‘Così impari’. Questa è la funzione rieducativa della pena. Io mi sono messo a piangere dicendo: ‘Non l’ho mica fatto apposta’. A quel punto me n’è arrivato un altro più forte: ‘Ci mancherebbe!’. E lì ho capito la differenza tra dolo e colpa”. Poi da adulto il dottor sottile ha sostituito gli schiaffi con le manette. E con la storia dell’agente provocatore adesso fa un ulteriore passo in avanti. Lui non dice ai bambini di non tirare le pietre, ma gliele offre per vedere se meritano di essere arrestati. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    24 Febbraio 2018 - 22:10

    Ecco cosa può sortire da un bambino di cinque anni, che solo per la "colpa" di giocare, si sente "punito" da un ceffone tremendo a appena osa fiatare da un altro ancora più forte. Fosse successo a me, credo che anch'io come Lamech andrei cercando di vendicarmene davvero settanta volte sette. Una punizione non capita brucia per tutta una vita, non si perdona né si dimentica. E se invece il giudice Davigo se l'è metabolizzata come giusta e ben meritata, allora si capisce bene che, per lui, "non esiste l'innocenza".

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    24 Febbraio 2018 - 18:06

    Al direttore - La parabola del buon Davigo sugli schiaffi ricevuti, rende assiomatico il principio che l’infante Piercamillo, attribuiva allo “schiaffeggiatone” l’autorità e il diritto morale di prenderlo a schiaffi. Eludendo apoditticamente il concetto di “azione colposa”. In sintesi: la solita triste storia del bambino schiaffeggiato che da adulto brama schiaffeggiare/ammanettare. Ritenendosi depositario dell’autorità e del diritto di farlo, in quanto Lui. La sua cultura giuridica si riassume nella Legge dei sospetti e nella ghigliottina. Maximilien-Marie-Isidore Robespierre, aveva il profilo psichiatrico del paranoico. Lunga, felice, prospera vita, al nostro caro Piercamillo. Non so se Davigo concordi con l’ex collega Gianrico Carofiglio che, lasciando la Lilli a bocca storta, ha chiarito che “giornalisti e contorni mediatici, non hanno alcun titolo per fare i provocatori”

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    24 Febbraio 2018 - 16:04

    Il ragionamento di Davigo non fa una piega per quella stragrande maggioranza di italiani analfabeti funzionali e, per ciò stesso, frustrati. Tutto sommato in Italia è sempre colpa di qualcun altro, no? Peccato che se invece l’hai fatta sporca tu stesso, grillino vittima del grande complotto, c’è sempre la complicità dei Davigo, della magistratura militante e dei tuoi simili che chiuderanno entrambi gl occhi.

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    24 Febbraio 2018 - 15:03

    Quando leggo parole come quelle di Davigo posso solo consigliare di rivedere un film (se si può o sarà complicità?) assai interessante e premiato con l'Oscar al miglior film straniero : "Le vite degli altri". Per coloro che non lo conoscono descrive l'ossessivo controllo e la violazione di qualsiasi libertà e dignità personale che la Stasi esercitava sui sudditi (cittadini non è corretto) della Germania Est (Democratica ah ah). E' il modello perfetto per Davigo.

    Report

    Rispondi

    • mario.patrizio

      24 Febbraio 2018 - 18:06

      Per l'appunto. Il principio è stato più volte ribadito: se sei OK, perché temere l'invasione nella tua vita privata?, riga diritto e stai sereno. Lo diceva pure l'esimio Di Pietro a proposito delle intercettazioni, ambedue epigoni degli stati di polizia alla DDR. Prevenissero i delitti almeno ma non ce la fanno se non si perfeziona il sistema, uno a uno tra cittadini e poliziotti.

      Report

      Rispondi

    • tamaramerisi@gmail.com

      tamaramerisi

      24 Febbraio 2018 - 18:06

      Vero, visto. Non dimentichiamo corridoi e corridoi e corridoi e corridoi di stanze di tortura, per prendere a ceffoni uomini come bestie, ma senza farli morire troppo presto. Il mondo dei moralisti appartiene al sottoterra.

      Report

      Rispondi

Servizi