cerca

Era di maggio, il ’68 di Mughini

È un libro dove si confrontano l’uomo di adesso e il giovane di cinquant’anni fa, senza rinnegare alcunché, facendo rivivere immagini, parole ed emozioni che mai lo abbandonano

Davide D'Alessandro

Email:

filosofeggiodunquesono@gmail.com

1 Aprile 2018 alle 17:51

Era di maggio,il ’68 di Mughini

Giampiero Mughini

Ho atteso anni affinché Giampiero Mughini tornasse a strabiliarmi come fece nel 1987 con Compagni, addio, l’addio alle Grandi Cause, alle Grandi Battaglie, alla sua giovinezza, per darci e darsi la misura delle piccole cause, delle piccole battaglie che danno colore e sapore alla vita quotidiana. Una cena con un’amica, un libro da leggere, una mostra da visitare, un articolo da scrivere. Ho atteso anni affinché mi raccontasse il ’68, quei giorni vissuti anche da chi, come me, non li visse avendo soltanto due anni, quei giorni che entrarono nella circolazione sanguigna di chi li visse e nella mente di chi, senza viverli, non ha mai smesso di sentirne parlare, ora male ora bene, ora come della scoperta dell’America ora come di una banale perdita di tempo.

  

Di Mughini mi fido perché ha una fibra che non gli consente la finta, perché antepone la vita, il respiro di ogni attimo di vita, a tutto il resto. Era di maggio. Cronache di uno psicodramma, edito da Marsilio, si apre col botto: “Già trascorsi cinquant’anni, porco mondo”. Già, cinquant’anni. “Cinquant’anni che non la smettiamo di ruminarci sopra. Su quelle tre inaudite settimane di un dolce e furibondo maggio parigino. Sull’inafferrabile mistero del perché quella primavera, e nella più bella città d’Europa, si scatenò un tale pandemonio e di una tale entità fattuale e simbolica. Ancora una settimana prima, a Parigi nessuno ne aveva avuto il benché minimo sentore”.

 

Segnalo le pagine su Dany Cohn-Bendit e, ancor più, quelle su Guy Debord, sul nulla che in tanti avevano da dire, ma volendolo dire a tutti i costi, sul mitico Teatro dell’Odéon, restato aperto tre settimane a operai e studenti: “È un luogo sacrale dove solo a entrarci vengono i brividi, se pensi a quello che per quasi due secoli è stato pronunciato e ascoltato fra quelle mura nella lingua francese, che era allora la lingua di ogni europeo colto”, poi disinfestato per i tanti barboni che ci dormirono e depositarono di tutto; sullo stesso Mughini che fece da guardia volontaria per cinque o sei ore a una stanza buia pensando di salvaguardare il sonno di tanti studenti che avevano passato la notte insonne, salvo poi scoprire che aveva fatto da guardia a una stanza perfettamente vuota, esempio di uno psicodramma collettivo, per dirla con la definizione di Raymond Aron; su un ragazzo che urlò “canaglia” al padre in divisa e il padre scoppiò a piangere; sui due morti, un commissario di polizia, a Lione, e un giovane di ventisei anni, a Parigi, nella notte tra il 24 e il 25 maggio; sull’ottimo funzionamento del grande liceo di Versailles e sui treni che dalla capitale spaccavano il secondo.

 

È un libro dove si confrontano il Mughini di adesso e il Mughini di cinquant’anni fa, senza rinnegare alcunché, facendo rivivere immagini, parole ed emozioni che mai lo abbandonano: “Un ragazzo francese che mi stava accanto me lo chiese perché stessi lanciando dei sassi e con tale entusiasmo, un gesto che in sé non valeva nulla di nulla. Ricordo, purtroppo, la mia risposta: Parce que j’aime ça. Mi piaceva farlo. Perché? Per frangere il dolore e la solitudine che mi portavo dentro. Sì, credo per quello. Parole che mi condannano. Vivevo uno psicodramma”.

 

È un libro sulla surrealtà delle accensioni ideologiche, su ciò che non vedi mentre corri e combatti all’impazzata con la violenza delle parole e l’ardore dei vent’anni, su ciò che non vedi mentre la vita continua a scorrere ed è lei che vince alla fine e sempre, con i suoi battiti regolari, con le sue luci e ombre, con la sua fortezza inespugnabile. La vita, l’unica, vera rivoluzione possibile. La stessa che si impadronì dei due giovani dei quali si narra a pagina 103. Partirono in auto da Roma per “ tastare il sapore di quanto stava avvenendo in Francia. Arrivarono a Parigi e si installarono in un alberghetto della periferia. Durante il viaggio lei non aveva detto una sola parola, solo aveva ostentato le gambe che accavallava e riaccavallava sapientemente. Intimidito da quelle gambe e dalla misteriosità della ragazza, il mio amico per tutto il viaggio non le chiese nulla. A Parigi rimasero per quarantott’ore chiusi nell’alberghetto, potete bene immaginare a fare che cosa. Non andarono neppure una volta al Quartiere latino. Consumate quelle quarantott’ore tornarono in Italia, mettendoci di nuovo un’infinità di tempo. Arrivati a Roma, e senza che lui sapesse della ragazza molto di più di quello che sapeva all’inizio del viaggio, lei lo salutò con un bacio in bocca. Non l’avrebbe mai più rivista in vita sua. Una bellissima storia, ne converrete”.

 

Certo che ne conveniamo. Era di maggio. E fu un viaggio di vita vera, una cronaca di vita vera, non di uno psicodramma.

Davide D'Alessandro

Davide D'Alessandro

Saggista e consulente filosofico. Scrivo libri (i più recenti: Intervista a Machiavelli, con Antonio De Simone, La vita del potere, Potere & Morte. Le matite di Canetti, Morlacchi Editore), scrivo sui libri, sui loro autori, per interpretare e trasformare. Filosofeggio dunque sono.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • riflessivo

    06 Aprile 2018 - 19:07

    Mi dispiace per tutti quelli che hanno una concezione così negativa del ’68. Leggere però le loro critiche è come sentire delle cose totalmente dissonanti rispetto a tutti gli aspetti positivi portati avanti dal’68. Tutti i lati peggiori e caduchi, e solo quelli, del grande movimento sono stati messi in luce dai commenti che ho letto. Faccio presente che quegli aspetti così negativi li conosco benissimo e che tutti i signori e sedicenti studiosi citati: da Guy Debord a Maurice Clavel a Curcio e Faranda non ci riguardavano per niente. Il nostro è stato un ’68 di studio e formazione, un ’68 per un vero diritto allo studio e all’istruzione di qualità garantiti da uno stato in grado di attuare La Costituzione Italiana secondo la quale, se si vuole una società democratica, aperta e libera, la carta vincente è una educazione di qualità e come opportunità( reale!!) anche per tutti quelli privi di mezzi.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    02 Aprile 2018 - 14:02

    Del '68 so un po' quello che s'è vissuto in Cattolica nel '67. Del Maggio parigino non so molto (ne so di più sulle "radiose giornate" che ho portato nella tesi di laurea). Ricordo solo la definizione che ne dava Olivier Clement: "stupefacente primavera". Ricordo Glucksmann, per il quale "quello che c'era di buono è andato perso nella marxistizzazione successiva". Infatti in Italia gli unici che l'hanno in qualche modo continuato sono stati quelli di Cielle. Per me quello che l'ha tratteggiato meglio è stato Maurice Clavel, che addirittura l'ha identificato come "una Pentecoste della Chiesa invisibile". Riporto quattro iscrizioni murali da lui ricordate: "Ho qualcosa da dire", "Ho qualcosa da dire, ma non so che cosa", "Non ho nulla da dire", "Sono un imbecille"....Certo che gli esiti sono stati nefasti. Quello peggiore è stato vedere la Chiesa inseguire il mondo (e non ha finito).

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    02 Aprile 2018 - 12:12

    Nel 68 avevo 30 , il sabato mettevo l'eskimo e le Clark ,mi infiltravo nei cortei orecchiando le chiacchiere dei aspiranti revoluzioneri quelli della fantasia al potere . Entravo in un universo parallelo . Quando i due universi si incontrarono partorirono Curcio Faranda ed altri miserabili. Bel colpo Joe!

    Report

    Rispondi

  • riflessivo

    01 Aprile 2018 - 20:08

    Il ’68 di Mughini è una vera banalità! si vedono chiaramente tre cose: o che non lo ha vissuto o che si è fermato a considerare solo gli aspetti esteriori o che non ne ha capito niente ma proprio niente!! Contrariamente a quanto si afferma nel suo libro -certi autori facilitati dal fatto di essere conosciuti perchè in passato hanno scritto o detto cose di successo - pubblicano a volte libri che distorcono totalmente la realtà delle cose! Il '68 aveva, oltre agli aspetti caduchi e sbagliati, grandi ideali tra cui, per citarne solo due, la riflessione sul funzionamento della nostra società rifacendosi ad una analisi sociologico-filosofica e il valore della cultura come formazione umana e civile. Questi tra i tanti aspetti positivi, erano e sono per me due pilastri fondamentali della cultura e della filosofia in particolare! Per ora devo lasciarla professore, spero di ritornare sull'argomento!!

    Report

    Rispondi

    • mauro

      02 Aprile 2018 - 11:11

      Mah. Riflettendo dalla assai meno entusiasta sponda opposta del fiume (ognuno riflette da dove può) su quei "pilastri fondamentali" si è costruito gran parte dell'oggi occidentale, e non mi sembra fossero tanto solidi da reggerlo; guardando attentamente che sia su un piano assai declinante è evidente. PS Io l'ho visto il maggio parigino, ero lì a fare uno stage di medicina, e mi divertii anche. Ma la cultura e la filosofia erano essenzialmente quelle di Guy Debord, che chiunque non ricordi chi era farebbe bene a rinfrescarsi la memoria su wiki. Che fu uno di quei pilastri, per cui oggi assistiamo in Occidente alla "politica spettacolo", come lui aveva preconizzato. Solo che non è mai uno spettacolo allegro, benchè talvolta comico.

      Report

      Rispondi

Servizi