cerca

Come è nato l'incontro tra Mattarella e Pahor

L'ambasciatore sloveno in Italia, Tomaž Kunstelj, ci racconta tutti i passi che hanno portato il presidente italiano e quello sloveno a prendersi la mano davanti alla foiba di Basovizza

29 Luglio 2020 alle 09:56

Come è nato l'incontro tra Mattarella e Pahor

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Trieste con il Presidente della Repubblica di Slovenia (LaPresse)

Il 13 luglio scorso il presidente italiano, Sergio Mattarella, e quello sloveno, Borut Pahor, si sono presi per mano davanti alla foiba di Basovizza, e poi hanno fatto lo stesso davanti al cippo che a poco distanza ricorda quattro giovani antifascisti slavi fucilati il 6 settembre del 1930. Questo istante è stato paragonato al 7 dicembre del 1970, quando il cancelliere tedesco Willy Brandt si inginocchiò davanti al monumento alla rivolta del Ghetto di Versavia, o al 13 aprile 1986 quando Giovanni...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Maurizio Stefanini

Romano, classe 1961, maturità classica, laurea in Scienze Politiche alla Luiss, giornalista dal 1988. Moglie, due figli. Free lance impenitente, collabora col Foglio dalla fondazione. Di formazione liberale classica, corretta da radici contadine e da un'intensa frequentazione del Terzo Mondo. Specialista in America Latina, Terzo Mondo, movimenti politici comparati, approfondimenti storici. Ha pubblicato vari libri, tra cui “I nomi del male”, ritratto dei leader dell’asse del Male, "Ultras - Identità, politica e violenza nel tifo sportivo da Pompei a Raciti e Sandri", "Da Omero al rock. Quando la letteratura incontra la canzone" e ultimo "Alce Nero un «beato» tra i Sioux". Parla cinque lingue; suona dieci strumenti (preferito, fisarmonica).

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi