cerca

I primi buoni risultati

Che sollievo il vaccino, ma il nazionalismo rischia di rovinare pure questa festa

L’americana Moderna annuncia test di successo contro il coronavirus. Ma non è che poi Trump se lo tiene per sé?

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

18 Maggio 2020 alle 19:33

Che sollievo il vaccino, ma il nazionalismo rischia di rovinare pure questa festa

(foto LaPresse)

Milano. Lunedì la società farmaceutica americana Moderna ha annunciato che otto persone testate con un vaccino da inizio marzo hanno sviluppato gli stessi anticorpi di chi ha contratto il coronavirus ed è guarito. Questo significa che ci sono buoni segnali – ma non la prova definitiva, il test è in corso – che il vaccino possa creare un’immunità. La notizia è stata accolta con un enorme sollievo da Wall Street, Moderna ha guadagnato in pochissimo tempo il 40 per cento, e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Paola Peduzzi

Paola Peduzzi

Scrive di politica estera, in particolare di politica europea, inglese e americana. Tiene sul Foglio una rubrica, “Cosmopolitics”, che è un esperimento: raccontare la geopolitica come se fosse una storia d'amore - corteggiamenti e separazioni, confessioni e segreti, guerra e pace. Di recente la storia d'amore di cui si è occupata con cadenza settimanale è quella con l'Europa, con la newsletter e la rubrica “EuPorn – Il lato sexy dell'Europa”. Sposata, ha due figli, Anita e Ferrante. @paolapeduzzi

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    18 Maggio 2020 - 21:16

    Si facciamo il tifo contro gli Usa! Se dovessero arrivarci loro la migliore situazione sarebbe la negazione della fornitura nei nostri confronti, in caso contrario saremmo costretti ad umiliazioni e costi insostenibili, imposti dalla più bieca e crudele tirannia del XXI secolo. Certo se arrivassimo prima noi europei o i cinesi che divertimento! Posso anche pensare ad un'altra ipotesi : verso l'inizio di ottobre un'azienda Usa dichiara di avere elaborato il vaccino, che nei dieci giorni successivi comincia ad essere iniettato, giusto in tempo per le elezioni. Venti giorni dopo (ma ad elezioni decise, chissene) le persone cui la ciofeca è stata somministrata cominciano a stare malissimo, a decine di migliaia muoiono e Trump, nella sua oscena malvagità, dallo studio ovale si fa grasse risate. Vi sembra impossibile? Proprio non conoscete Trump.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    18 Maggio 2020 - 20:50

    Gentile Paola Peduzzi: "Tutto fa pensare che Trump ci farà pagare caro il nostro sollievo." I pregiudizi, liberal son duri a morire. Non è un pensiero, è una certezza. O se fosse Binden a farcelo pagare caro? Macché, Binden è un democratico. Già, la superiorità antropologica.

    Report

    Rispondi

Servizi