cerca

Smontare la teoria del “complotto giapponese”, tra Olimpiadi e Avigan di massa

I Giochi olimpici di Tokyo 2020 sono stati rimandati al 2021. Basta un video virale per sperimentare un farmaco?

24 Marzo 2020 alle 20:19

Smontare la teoria del “complotto giapponese”, tra Olimpiadi e Avigan di massa

foto LaPresse

Roma. Come prevedibile già da qualche settimana, alla fine i Giochi olimpici di Tokyo 2020 sono stati rimandati. Di un anno. Lo ha annunciato il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, dopo una conversazione telefonica con il presidente del Comitato olimpico internazionale Thomas Bach e giorni di trattative e negoziati. La cerimonia di apertura di Tokyo 2020 avrebbe dovuto essere celebrata il 24 luglio e, secondo le regole dell’assegnazione, il Giappone avrebbe potuto posticipare i Giochi, sì, ma comunque entro l’anno...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulia Pompili

Giulia Pompili

Giulia Pompili è nata il 4 luglio. E' giornalista del Foglio dove scrive soprattutto di Asia – nel 2012 ha vinto il premio giornalistico "Umberto Agnelli" della Fondazione Italia Giappone. Recita a memoria i test missilistici di Kim Jong-un, ma pure le canzoni degli Afterhours. E' terzo dan di kendo.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • nike13

    25 Marzo 2020 - 06:25

    c'è solo un commento da fare. Il Giappone è uno stato moderno ed avanzato. Non ci vuole molto ad informarsi ed accertarsi della situazione tramite giornalisti investigativi e non dipendenti scalda sedie. Nello stesso tempo, essendo un paese inserito in un contesto di assetti di alleanze determinati dagli USA non ci sonoimpedimenti a chiedere ed informarsi alle varie AIFA Europee e USA con l'equivalente AIFA del Giappone.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    24 Marzo 2020 - 23:14

    Se l'Avigan fosse davvero quella medicina miracolosa che il video suggerisce, non vedo perché di ciò i ricercatori giapponesi non avrebbero scritto sulle massime riviste scientifiche mondiali, mentre mi sembra chiaro che se ne siano guardati bene dal farlo.

    Report

    Rispondi

Servizi