cerca

Il Cremlino incoraggia l’amnesia sui gulag

Il racconto di sei donne, ormai anziane, su Stalin e la storia che i russi non vogliono conoscere

3 Febbraio 2019 alle 06:22

Il Cremlino incoraggia l’amnesia sui gulag

Il gulag di Perm, in Russia

Le loro voci si odono appena, le parole trascinate, il passato che nella testa si fa più forte e più vicino del presente. Le sei donne, sei protagoniste, sei narratrici del documentario “Women of the gulag”, della regista russo-americana Marianna Yarovskaya, sono tra gli ultimi sopravvissuti dei campi di lavoro sovietici e per tutta la durata del film ricordano. Ricordano i morti, le tombe vuote, ricordano il freddo, il tempo che si perdeva nei minuti e diventava eterno nelle celle umide. Ricordano un’infanzia che si è fatta adulta in fretta, i mariti conosciuti appena, la paura che ogni gesto fosse fuori posto, le punizioni e i genitori scomparsi. Le sei donne, Fiolka, Vera, Ksenia, Natalia, Elena e Adile hanno tra gli ottanta e novant’anni, due di loro sono morte poco dopo il documentario, e sono una delle prime testimonianze femminili sulla vita dei gulag. Il film in Russia ha ricevuto scarsa attenzione, era anche tra i film candidati all’Oscar nella categoria Best Documentary (Short), non è entrato a far parte della cinquina finale e continua a essere ignorato in patria, dove, in un modo o nell’altro, la vita famigliare di molti cittadini è stata interrotta dalla presenza, o dalla paura, dei campi di lavoro. Anche la storia famigliare di Yarovskaya è stata influenzata dai gulag e la regista ha deciso di cercare per tutta la Russia persone che potessero raccontare. Procedendo con le ricerche, si è resa conto che non solo queste donne erano disposte a condividere quella che era stata la tragedia della loro vita, ma lo volevano. Desideravano liberarsi delle immagini e della sofferenza, “ho vissuto così a lungo per poter mostrare la verità”, dice Adile con gli occhi rivolti alla telecamera. Il gulag è una storia ancora poco raccontata: mentre giravano il documentario, le autorità russe non hanno cercato di ostacolare le riprese in nessun modo, ma più la regista andava avanti con le ricerche, più si rendeva conto che il Cremlino sta portando avanti una sottile operazione di rimozione della memoria dei gulag. Lo scorso anno sono stati distrutti interi archivi che contenevano le storie dei prigionieri, i loro oggetti, le foto, date di nascita e di morte. 

 

Alcuni storici locali sono stati dissuasi dal continuare le ricerche sui campi di lavoro, sono stati minacciati mentre ritrovavano le tracce, una dietro l’altra, di nuovi gulag dispersi negli Urali. Dietro a tanta voglia di nascondere, di negare, di chiudere gli occhi, c’è un legame quasi affettivo che unisce ancora il popolo russo a Stalin e la volontà da parte del Cremlino di ricordare le glorie e non le ombre del passato nazionale. Nel tentativo di riscrivere la storia, di renderla edificante, il governo finanzia film per ricordare la vittoria contro Napoleone o quella contro Hitler, ha promosso un nuovo canale televisivo che si chiamerà “Pobeda”, “Vittoria”, sarà attivo dal 2020 e trasmetterà film e documentari sulla Seconda guerra mondiale, la Grande guerra patriottica. La storia in Russia deve fare da collante, deve unire e raccontare, e i gulag non si prestano a questa retorica. Poi c’è la figura di Stalin, enorme e pesante, amata ancora molto, ma scomoda per il Cremlino. Nella memoria dei russi più giovani i campi di lavoro non sono mai esistiti, per qualcuno invece sono stati un sacrificio indispensabile per vincere la guerra e per permettere l’industrializzazione dell’Unione sovietica. Quando nella mente di Marianna Yarovskaya iniziava a prendere forma l’idea di girare un documentario, la regista si è resa conto che la Russia non ha mai ragionato sul suo passato. Non ha avuto la voglia, o forse il tempo, e le voci dei sopravvissuti rimanevano confinate, lontane e solitarie, morivano a poco a poco. Dopo la sua uscita, “Women of the gulag” è stato bersagliato, trollato e accusato di essere il tentativo di esportare un’immagine negativa della Russia. I negazionisti hanno accusato le donne di mentire, di aver inventato le percosse, la prigionia, la tragedia, di aver confuso la verità con la fantasia. E poi quell’etichetta “agente straniero”, usata ai tempi dei gulag, una delle più frequenti, e oggi di ritorno. Sono agenti stranieri i media finanziati da imprenditori non russi, sono agenti stranieri le associazioni per i diritti umani, e anche Marianna Yarovskaya è stata accusata di essere un agente straniero.

 

Scorrono le mani sugli album di famiglia, Vera racconta di essere stata arrestata perché suonava con il suo violino delle canzoni tedesche, Adile parla del freddo, Natalia della tomba vuota dei genitori. Il passato è passato ed è inutile dedicargli lacrime. Le sei donne non piangono, ma raccontano, parlano, dicono quella storia che i russi non vogliono più sentirsi raccontare. Il Cremlino ha incoraggiato questa amnesia, Stalin rimane il personaggio più importante della storia per i russi, e i ricordi dei gulag stanno morendo di vecchiaia.

Micol Flammini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    03 Febbraio 2019 - 11:11

    Non voglio certo sminuire la gravità di ciò che avvenne in Russia in un certo periodo e non solo in quel periodo visto che anche nel periodo zarista esisteva qualcosa del genere, tuttavia se si guarda alla storia di tante nazioni eventi simili a quelli del periodo sovietico si sono verificati e si vogliono dimenticare o addirittura negare: Germania, Turchia, anche purtroppo l'Italia, vari paesi asiatici, africani, ecc. Storie assai tristi sul cammino dell'evoluzione umana morale e civile.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    03 Febbraio 2019 - 09:09

    La vita di ciascuno di noi, semplice cittadino o persona di potere, è sempre stata circoscritta ,nella sua valenza, fra i limiti della nascita e della morte. E se qualche volta cerchiamo di portarla virtualmente fuori di questi limiti ,per qualunque motivo, lo facciamo al solo scopo di trarne un vantaggio. Certo i giovani russi, come quelli italiani e in generale di tutto il mondo ,che oggi se la passano bene sul piano materiale, non hanno nessuno interesse di traslarsi, fantasticamente in epoche passate per cercare di capire i fenomeni e i processi politici e sociali che hanno prodotto mostruosità. Ne ricavebbero, a mio parere, solo scrupoli di coscienza che li indurrebbeto a dover rinunciare alle loro molte comodità a favore del prossimo meno fortunato. Ed allora che fa Putin, un dittatore, ma non solo lui? Cerca di rimuovere quelle mostruosità rinnegandole. Sonprattutto i giovani dovrebbero invece avere il coraggio di riesumarle ed analizzarle alla luce di una nuova ragione.

    Report

    Rispondi

Servizi