cerca

L’America ha un interesse febbrile per la politica, c’è un piano per farlo durare

Record di ascolti e di registrazioni al voto. Tre giorni fa in Texas si è registrato il record di elettori che si sono registrati per il voto del 6 novembre

12 Ottobre 2018 alle 06:12

L’America ha un interesse febbrile per la politica, c’è un piano per farlo durare

Foto LaPresse

New York. Mancano venticinque giorni alle elezioni di metà mandato e in America c’è un appetito smisurato per la politica e per le notizie di politica, dopo anni di disinteresse e di fastidio. E secondo le previsioni di tutti gli esperti non passerà presto. Tre giorni fa in Texas si è registrato il record di elettori che si sono registrati per il voto del 6 novembre – e per decidere chi vincerà nel duello tra il democratico Beto O’Rourke e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    12 Ottobre 2018 - 14:02

    Non so quale interesse possa suscitare la politica americana ridotta ad una tenzone di opposte tifoserie urlanti e senza molti argomenti, anche se una delle due mi sembra molto più pericolosa. Il mio pessimismo mi impedisce di attendere notizie positive dalla politica, dall'economia e dall'antropologia americane; il disinteresse per l'inchiesta che ha evidenziato quale sia sempre stata l'etica (eufemismo) di Trump negli affari è emblematica e dimostra che il livello di etica pubblica in Usa è piuttosto basso. Fortunatamente continuo a ricevere straordinarie notizie dalla cultura del paese, fatta di romanzi, saggi, musica e cinema ove, accanto a maestri conclamati, scopriamo sempre nuovi talenti. Al punto da trovare inverosimile che un paese, dell'assetto sociale oggettivamente rozzo, riesca ad esprimere una cultura di qualità così elevata, ma ringraziando che esista.

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    12 Ottobre 2018 - 09:09

    Giú le mani dai bambini !! Anche questa è una declinazione (il declino in azione) del Palestinianismo: quando l'infanzia è l'unico vero territorio occupato illegittimamente, da un esercito di peter pans travestiti da adulti, che sparano fesserie e addestrano i figli a spararne di più grosse. Perdere il rispetto per i bambini è sintomatico della perdita di rispetto per il prossimo, e per se stessi. Il coniglietto del vice presidente non è una favola, ma una propaganda per bambini. Innocente? Io dico ignobile.

    Report

    Rispondi

Servizi