cerca

Sharia fondente

Un partito vuole fondare uno stato islamico in Belgio. E’ iniziata come un’allucinazione di Houellebecq: ora il paese del cioccolato la teme

30 Aprile 2018 alle 12:00

Sharia fondente

Ragazze palestinesi studiano il Corano (LaPresse)

E se, con il suo romanzo Sottomissione, Michel Houellebecq non avesse descritto il futuro della Francia, ma quello del vicino Belgio? Siamo ancora molto lontani da questo scenario. Ma l’ascesa del partito “Islam”, che sembra uscito dalla penna inquieta e un po’ allucinata dell’autore delle Particelle elementari, adesso fa paura e fa tanto parlare di sé.   Il fondatore del partito islamico ha appena rifiutato di guardare negli occhi la editorialista Emmanuelle Praet durante uno spettacolo su Rtl-Tvi. Nel corso...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • robyv73

    30 Aprile 2018 - 13:01

    Non solo la natalità esuberante dei mussulmani rende l'Europa sempre meno cristiana ma anche la continua immigrazione, legale e illegale, che oltre a portare menti già plasmate verso il dominio dell'islam portano anche razzismo verso chi non è mussulmano, odio per gli gli ebrei e discriminazione per le donne. "Per questo alcuni politici belgi, come Richard Miller, stanno ora sostenendo la messa al bando del partito. Qualcosa di impossibile da ottenere per vie democratiche, considerando che il partito della sharia non ha violato alcuna legge né incita alla violenza." La democrazia, senza suicidarsi, può permettere l'esistenza di chi vuole ucciderla?

    Report

    Rispondi

Servizi