Meglio non fare tanto gli snob con le operazioni di disinformazia russa

Si dice: non mi faccio dire come votare da un tizio su Twitter. Sarebbe bello se fosse davvero così. Però ci sono un paio di elementi che suggeriscono di essere pessimisti

4 Novembre 2017 alle 06:19

Meglio non fare tanto gli snob con le operazioni di disinformazia russa

Foto LaPresse

Roma. Non saremo mai così fessi da farci condizionare prima del voto da un post su Facebook vero? Questa settimana si è parlato molto delle interferenze via internet da parte del governo russo per guidare gli elettori in altri paesi. E’ cominciata con le audizioni di Facebook, Twitter e Google davanti al Congresso americano – culminate nel silenzio patetico alla domanda: “Accettavate pubblicità politiche pagate in rubli. Come avete fatto a non fare due più due?” – ed è finita con la copertina dell’Economist di ieri, “La minaccia dei social media alla democrazia”. Ma la risposta a questo dossier che ogni giorno diventa sempre più dettagliato sui giornali americani è in molti casi una scrollata di spalle. Non mi faccio dire come votare da un tizio su Twitter, non me lo farò dire mai. Sarebbe bello se fosse davvero così e se le campagne di disinformazione su internet fossero un elemento marginale del gioco politico, e però ci sono un paio di elementi che suggeriscono di essere pessimisti.

 

Il primo è che per ogni elettore informato che si sente invulnerabile alla propaganda di bassa fattura ce ne sono di più che invece sono esposti – espostissimi – a questo genere di operazioni. Secondo il centro Pew di ricerca statistica, il 67 per cento degli americani nel 2017 (fino al mese di agosto) ha appreso alcune notizie dai social media ogni giorno, nel 2016 era il 62 per cento. Gli americani che vedono le notizie “quasi soltanto” su Facebook sono molti meno, circa il 20 per cento, ma si tratta pur sempre di un quinto dell’audience e nessuno sano di mente – in particolare il direttore di un canale televisivo o il capo di una campagna elettorale – direbbe che il 20 per cento è una percentuale bassa. Inoltre sappiamo che è destinata ad aumentare. Insomma: ci sono elettori che leggono l’ultimo libro di Roberto Calasso e hanno una mazzetta di quotidiani e riviste sul tavolo di lavoro, ma sono rappresentativi della maggioranza? Probabilmente no.

 

Il secondo motivo per essere pessimisti è che queste operazioni di disinformazia non sono così grossolane come le immaginiamo. In questi giorni stiamo scoprendo che i troll russi che impersonavano cittadini americani su Twitter facevano un lavoro di ottimo livello, sopra ogni aspettativa. “Jenna Abrams”, una finta blogger americana recitata su Twitter da un russo, creava molta attenzione, aveva un seguito di settantamila persone, battibeccava con l’ex ambasciatore americano in Russia, Michael McFaul, e faceva una sfegatata opera di proselitismo a favore di Trump. Settantamila è un numero basso? Non sappiamo quanti si sono fatti persuadere dai suoi argomenti, forse nessuno? Può essere, ma “Jenna Abrams” è stata citata da Yahoo News, Washington Post, Sky News, Telegraph, Independent, Business Insider, National Post, Cnn, Bbc, Times of India, France 24, BuzzFeed, Daily Mail, New York Times e molti altri, inclusi ovviamente Russia Today e Sputnik, i due canali ufficiali della propaganda di Mosca. Immaginate le risate, alla sera, negli uffici dell’agenzia del governo russo che si occupa di prendere per scemi gli iscritti a Twitter con la foto falsa di una bella blogger americana. Costo quasi zero, effetti ancora non compresi. Quanti follower ci vogliono per definire un clima politico? E contano più mille follower comuni oppure un follower prestigioso? Michael Flynn, ex consigliere per la Sicurezza americana di Trump, durante la campagna seguiva cinque impostori russi e a volte li ritwittava. E anche la manager della campagna Kellyanne Conway, il figlio di Trump Donald Trump Jr. e il direttore della campagna digitale Brad Parscale seguivano questi account finti mantenuti da dipendenti pagati con i soldi delle tasse dei contribuenti russi. E sebbene ci fossero molti sospetti tra alcuni unhappy few, la stragrande maggioranza trovava lo spettacolo perfettamente normale. La vittoria di Trump dovrebbe servire come promemoria a chi ancora crede che siamo meglio di così: siamo figli di un bot minore, meglio fare attenzione e mettersi a studiare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • albertoxmura

    04 Novembre 2017 - 20:08

    Ci sono persone che non sono capaci di pensare con la propria testa. E allora? Si crede per davvero che sia colpa dei social se è così? Se non ci fossero i social queste stesse persone si farebbero condizionare dalla televisione, dalla propaganda dei manifesti elettorali, dagli amici del bar, dal demagogo di turno e così via. Il bello della democrazia non sta nel fatto che la classe politica è eletta dal voto responsabile dei cittadini che li votano sulla base di argomenti fondati, bensì nel fatto che essa è di gran lunga il regime più tollerante, l'unico che consenta ai cittadini, non importa se per ragioni fondate o come risposta a stimoli emotivi o aberranti (interni o esteri), di allontanare dal potere i politici non più graditi. E ciò basta a rendere la democrazia il migliore dei regimi che l'umanità abbia saputo inventare. Detto questo, promuovere l'istruzione è l'unico mezzo accettabile (per quanto sia assai imperfetto) per migliorare la consapevolezza del voto.

    Report

    Rispondi

    • mauro

      05 Novembre 2017 - 12:12

      Beh, il poter andare sulla rete a sparare ogni genere di amenità liberatorie dei propri complessi in cambio dell'essere governati, decenni dopo decenni, come avviene dal '68 in poi, dagli stimoli emotivi e aberranti che Lei cita, che si aggiungono al leonardesco "nocchiere ch'entra in navilio senza timone o bussola e mai ha certezza di dove si vada" che caratterizza il nostro tempo, sarà anche bello, confortante, rassicurante, appagante, tutto quel che si vuole, e io ben volentieri concordo con Lei e con Winston Churchill . Ma non credo che il sistema possa durare così in eterno. Prima poi qualcuno presenterà il conto.

      Report

      Rispondi

  • icli.pergolesi

    04 Novembre 2017 - 15:03

    Naturalmente, mentre la" disinformaja" americana non ha bisogno di troll, tutta la stampa occidentale la pubblica in chiaro giornalmente. Ipocrisia al 100%.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    04 Novembre 2017 - 15:03

    a me scappa da ridere su la disinfomatja russa e allora cosa dire dei quella del falso Quotidiano in edicola e poi rimbalzato a La7 ,prima a ottoemezzo e poi in altre trasmissioni. Ferrara ah scritto che urbano Cairo è uno nbravo guaglione ,ma è sicuro ? A cosa mira il tycoon de noiantri dalla Mole Antonelliana ? Cosa cerca ,indeciso tra emulare o Agnelli o Berlusconi, pagando i suoi scagnozzi a fare tifo per Di Maio e C. ? luigi de santis

    Report

    Rispondi

  • mauro

    04 Novembre 2017 - 08:08

    Tutto quel che vuole Lei, caro Ranieri, ma come si fa a sostenere che l'antitrumpismo, l'antiputinismo, l'antiassadismo fin dall'inizio delle primavere arabe, in una parola il pol cor, siano figli di un bot minore e non di un sistema che condiziona pesantemente il voto occidentale? E sopratutto quello di chi, appunto, non studia, ovvero la stragrande maggioranza?

    Report

    Rispondi

Servizi