cerca

Rinnovare secondo Macron

Il candidato di En Marche! esclude accordi d’apparato. La strategia elettorale

29 Marzo 2017 alle 06:17

Rinnovare secondo Macron

Emmanuel Macron (foto LaPresse)

Emmanuel Macron si è presentato ieri nel suo quartier generale per spiegare come si sta preparando a formare il governo e a stilare le liste per le legislative. Tra le critiche principali che vengono rivolte al candidato di En Marche! alle presidenziali francesi c’è quella di non avere un partito, una struttura. Può fare l’exploit per l’Eliseo, ma poi governare è tutta un’altra faccenda, ci vuole una maggioranza. Macron ha risposto dicendo che vuole un rinnovamento dei volti della politica. 14 mila persone si sono presentate per essere scelte tra i 577 candidati che En Marche! presenterà alle legislative – almeno metà provenienti dalla società civile – e questa per Macron è una conferma del suo progetto post partiti tradizionali: rigenerare la politica, con una selezione seria, senza affidarsi agli apparati esistenti.

 

Com’è che la sinistra in Francia rischia di arrivare quarta?

Hamon, candidato del Partito socialista non è riuscito ad acquisire consenso e ora è dato dietro nei sondaggi anche rispetto a Mélenchon, leader più a sinistra del Ps. Tra le faide e un europeismo un po’ stinto

 

Poiché a sinistra dicono che Macron è di destra e a destra che è di sinistra, il leader di En Marche! ha ribadito di non volersi affidare alla struttura di nessuno dei partiti esistenti, nemmeno per il suo esecutivo. Ma saranno esclusi ministri influenti come Le Drian, esperto di sicurezza e il primo esponente di spicco del governo ad averlo sostenuto? Rinnovamento è rinnovamento. Qualche nome forse ora circolerà, Macron sogna un premier donna, ma l’obiettivo dei prossimi 25 giorni è quello di convincere i francesi “nel profondo”, “con umiltà”, senza dare nulla per scontato. Bisogna investire sulle idee e non “commentare ogni momento l’attualità”, ha detto Macron – a tutti i presenti è venuto in mente che in effetti dopo la gaffe la-Guyana-è-un’isola conviene essere cauti con le dichiarazioni. Ma agli scettici, a chi ripete che l’elettorato macroniano è volatile e volubile lui risponde: nessuno attira consensi e cresce come noi, siamo i veri militanti di Francia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi