cerca

Gli accoltellamenti in Minnesota rivendicati dallo Stato islamico, lì dov'era sorto il primo "Califfato d'America"

Un ventiduenne somalo ha accoltellato e ferito otto persone in un centro commerciale a St. Cloud prima di venire ucciso. Mattia Ferraresi raccontava già un anno fa come il jihad serviva per riempire la vita vuota e progressista di Minneapolis.

18 Settembre 2016 alle 09:28

Gli accoltellamenti in Minnesota rivendicati dallo Stato islamico, lì dov'era sorto il primo "Califfato d'America"

Foto via Twitter

[articolo aggiornato in redazione alle 11,00] Un uomo ha accoltellato e ferito otto persone in un centro commerciale al Crossroads Center mall in St. Cloud, in Minnesota, prima di venire ucciso da un poliziotto non in servizio. L'assalitore si chiamava Dahir Adan, era un ventiduenne somalo, arrivato negli Stati Uniti da adolescente. Secondo quanto riferito dalla polizia alla Cbs locale, Adan ha inneggiato ad Allah prima di colpire e ad almeno una persona avrebbe chiesto se fosse o meno musulmana prima di accoltellarla. L’aggressore indossava un uniforme di guardia giurata di una società privata, il lavoro part-time che svolgeva quando non frequentava il Community College di Sr. Cloud. I feriti sono stati trasportati d'urgenza in ospedale ma nessuno tra loro è in pericolo di vita. Tutti tranne uno sarebbero stati già dimessi, secondo l'Indipendent.

 


 


 

La biografia di Adan non ha particolari trascorsi di radicalismo, ricorda piuttosto il profilo di altri protagonisti di agguati firmati dall’Isis negli ultimi mesi, come i due attentatori di Gardland (Texas), la coppia di San Bernardino e Omar Mateen, il vigilante autore del massacro di Orlando. Giovani sedotti dalle campane del jihad globale. Gli amici descrivono il ventiduenne come un tipo tranquillo, per la polizia non era schedato e le uniche note riguardano infrazioni stradali. Adan era un membro della comunità di rifugiati somali del Minnesota, la più grande degli Stati Uniti.

 

In questa inchiesta approfondita Mattia Ferraresi raccontava già un anno fa la vita nel primo "Califfato d’America", dove il jihad serve per riempire la vita vuota e progressista di Minneapolis. Un'immersione nella più grande comunità della diaspora somala del mondo, dove i ragazzi partono a decine per unirsi alle forze di al Baghdadi.

 


 


 

L'attentato è stato compiuto verso le 8 di sera, ora locale, mentre la nazione era concentrata sull'esplosione che a Manhattan ha ferito 29 persone. Le autorità hanno comunicato che al momento non ci sono prove di un legame tra i due gesti. Il Minneapolis Star Tribune conferma che il padre di Adan l'ha identificato e che la polizia ha perquisito l'appartamento dove padre e figlio vivevano. Intanto è arrivata la rivendicazione dello Stato islamico. Amaq, l'agenzia del gruppo jihadista, ha dichiarato sui propri canali che: "L'esecutore degli attacchi col coltello avvenuti nel Minnesota ieri, sono stati realizzati da un soldato dello Stato islamico che ha effettuato l'operazione in risposta alle nostre richieste di colpire i cittadini dei Paesi appartenenti alla coalizione crociata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi