cerca

La rotta tedesca

Perché è arrivata l’ora di lasciare a Lufthansa la cloche di Alitalia

Con lo stato e Delta la compagnia non può volare. L’operazione verità di Atlantia fa crollare i sogni di rilancio di Conte & Co.

Alberto Brambilla

Email:

brambilla@ilfoglio.it

4 Ottobre 2019 alle 20:59

Perché è arrivata l’ora di lasciare a Lufthansa la cloche di Alitalia

foto LaPresse

Roma. E’ il caso di richiamare la bistrattata Lufthansa dopo che il piano di salvataggio pubblico di Alitalia, con Ferrovie dello Stato, Tesoro e l’americana Delta Airlines, è stato platealmente sconfessato da Atlantia. Giovedì in una lettera al ministero dello Sviluppo economico la società dei Benetton, che sta valutando l’investimento come unico socio industriale italiano (controlla l’aeroporto di Fiumicino con Adr), ha rivelato che il piano di (supposto) rilancio è basato solo sulla riduzione dei costi, tra tagli di personale...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Alberto Brambilla

Alberto Brambilla

Nato a Milano il 27 settembre 1985, ha iniziato a scrivere vent'anni dopo durante gli studi di Scienze politiche. Smettere è impensabile. Una parentesi di libri, arte e politica locale con i primi post online. Poi, la passione per l'economia e gli intrecci - non sempre scontati - con la società, al limite della "freak economy". Prima di diventare praticante al Foglio nell'autunno 2012, dopo una collaborazione durata due anni, ha lavorato con Class Cnbc, Il Riformista, l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) e il settimanale d'inchiesta L'Espresso. Ha vinto il premio giornalistico State Street Institutional Press Awards 2013 come giornalista dell'anno nella categoria "giovani talenti" con un'inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • robyv73

    04 Ottobre 2019 - 23:11

    Gli asini si impuntano, non ammettono d'aver sbagliato, soprattutto se la biada arriva copiosa dai soliti fessi che pagano le tasse per vedere i loro soldi buttati nel cesso.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    04 Ottobre 2019 - 21:09

    Conte ha poco da stupirsi. Dopo il ponte Morandi, invece di demolire i Benetton per interessi miseri di bottega 5S, dovevano badare al sodo e senza fare demagogie lasciare che Atlantia si assumesse le responsabilità del caso Morandi senza chiederne la testa. Ora è sacrosanto che Atlantia chieda chiarezza su autostrade prima di mettersi nel minestrone Alitalia. Meglio un Atlantia di rilancio che un Alitalia lasciata a margine da Lufthansa e, tra qualche anno chissà se chiusa e mercato nazionale preso o disperso senza colpo ferire. Atlantia se non minacciata su autostrade può, potrà essere il salvacondotto di una compagnia di cui non vorremmo più sentir parlare se non di prenotazioni e viaggi. Tutti devono capire che per far ripartire Alitalia devono essere fatti sacrifici veri. Marginalizzare i sindacati è un atto dovuto come pure tappare la bocca ai dipendenti. Imprenditoria si seria ma non fessa.

    Report

    Rispondi

Servizi