cerca

Vogliamo le parti asociali

Perché i sindacati dovrebbero incalzare il governo felpastellato

17 Luglio 2019 alle 06:00

Vogliamo le parti asociali

Il segretario della Cgil, Maurizio Landini (foto LaPresse)

Soltanto dopo essersi trovati di fronte a Matteo Salvini, dunque al ministro dell’Interno, certamente non competente sulle materie di economia e lavoro, le parti sociali convocate al Viminale hanno avuto un tardivo sussulto: ma qui che ci facciamo? Lo stupore del giorno dopo di Maurizio Landini, segretario della Cgil, è significativo: “L’incontro è stato convocato su carta intestata del Viminale dal vicepremier e ministro dell’Interno del governo in carica”, ha detto in un’intervista alla Stampa. Il problema, come rileva lo stesso Landini nel resto del colloquio, è che l’esecutivo all’incontro con i sindacati semplicemente non c’era. O meglio, c’era solo un suo rappresentante, che però ha altre deleghe. Ora, tutto questo a Landini & co. era già noto, visto che hanno appunto ricevuto l’invito su carta intestata del Viminale. Non è in discussione la partecipazione delle parti sociali a incontri organizzati dal governo, legittimamente rivendicata dalla Cgil, perché il problema è infatti quando i rapporti si interrompono. La questione è un’altra. I sindacati sono scesi in piazza per molto meno e sempre per molto meno hanno gridato alla deriva autoritaria, schierandosi per il No al referendum costituzionale del 2016; si sono scagliati contro il Jobs Act ritenendolo il male assoluto; hanno attaccato esecutivi precedenti, vedi quello Renzi, considerandolo il servo sciocco dell’Unione europea. Non si capisce perché, di fronte al muscolarismo di Salvini, alla crescita zero del paese e alle fallite ricette per aumentare i posti di lavoro in maniera stabile e duratura, i sindacati non decidano di farsi sentire. Ma non solo quando vengono convocati a sproposito dal Viminale. Il problema non è neanche solo Salvini, che usa i suoi uffici come se fossero la sede della Lega in Via Bellerio. Il problema semmai è tutto il governo felpastellato, contro cui difficilmente si vede un’operazione strategica dei sindacati che, insieme, potrebbero fare qualcosa di più per provare a metterlo in difficoltà. Non partecipare più alle riunioni di partito al Viminale potrebbe essere un buon inizio.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    18 Agosto 2019 - 14:02

    Landini ha una voce stentorea tale che più che fare la sua supposta battaglia per i lavoratori dovrebbe andare nei mercatini rionali ad attirare i visitatori a comprare set di lenzuoli o asciugamani o batterie di pentole da cucina. L'adagio recita ad ognuno il suo mestiere.luigi

    Report

    Rispondi

Servizi