In Italia cambia il clima. Di fiducia

Secondo l'Istat a giugno è calata la fiducia di imprese e famiglie. Una flessione che affossa la ripresa di maggio

C'era stata una leggera ripresa, a maggio, ma nel mese che sta per concludersi se n'è persa traccia. A giugno la fiducia delle imprese e dei consumatori è tornata a calare, dice l'Istat: l'indice per le famiglie è passato da 111,6 a 109,6, mentre quello delle imprese da 100,2 a 99,3. E ancora una volta, come se ce ne fosse bisogno, quello gialloverde conferma di essere il governo del cambiamento. In peggio.

 

A scontare maggiormente le incertezze economiche e politiche sembrano essere i consumatori, il cui indice registra la flessione di tutte le sue componenti. Per le imprese il livello destagionalizzato dei climi di fiducia di giugno è comunque di poco superiore alla media dei primi cinque mesi dell'anno, mentre per i consumatori si rileva un differenziale negativo di oltre due punti. Il clima economico e quello futuro registrano una diminuzione più marcata mentre la flessione è più contenuta per il clima personale e per quello corrente. Più in dettaglio, il clima economico passa da 125,5 a 120,9, il clima futuro diminuisce da 115,6 a 112,3, il clima personale da 107,4 a 105,6 e il clima corrente da 109,6 a 107,6.   

“La flessione della fiducia dei consumatori rispetto al mese precedente - commenta l'Istituto - si caratterizza per un marcato peggioramento delle opinioni sulla situazione economica del Paese e sulle prospettive della disoccupazione. Per quanto riguarda le imprese, si osserva un miglioramento solo per il settore del commercio al dettaglio, mentre cala in modo particolarmente marcato la fiducia nel settore delle costruzioni e torna a scendere anche la fiducia del settore manifatturiero”.

Ma il clima di fiducia non cambia solo in Italia. In Francia, nel giugno 2019, la fiducia delle famiglie nella situazione economica ha fatto registrare un incremento per il sesto mese consecutivo passando da 99 a 101 e superando quota 100 per la prima volta dall'aprile 2018. 

Di più su questi argomenti: