cerca

La povertà è stata sopravvalutata

Il Reddito di cittadinanza non sfonda, navigator dispersi, un sussidio ripudiato anche dalla chiesa

16 Aprile 2019 alle 21:19

La povertà è stata sopravvalutata

Foto Imagoeconomica

Quattrocentottantasettemila domande di reddito e pensione di cittadinanza accolte su 681 mila già lavorate dall’Inps, e un totale di 806 mila presentate ai suoi sportelli, alle Poste, ai Caf e online. E’ il bilancio parziale dell’Istituto guidato da Pasquale Tridico che del reddito è il teorico e che è stato imposto da Luigi Di Maio per facilitare il successo di una misura con la quale (sempre by Di Maio) “aboliremo la povertà”. E fino a poco tempo fa Tridico ha dato fiato alle trombe: “Una legge che il paese aspettava da anni contro la povertà e per dare lavoro ai giovani e agli scoraggiati”.

 

Era il 6 marzo. A poco più di un mese e con la seconda finestra di presentazione delle domande che si chiude a fine mese si affaccia una realtà diversa: le domande sono un terzo del previsto, il 25 per cento è respinto. Con questo trend si andrà ben sotto all’1,3 milioni di famiglie e alle tre milioni di persone da “sottrarre alla povertà”. Per giunta solo il 3 per cento delle domande è stato presentato da giovani: il che, coi “navigator” dispersi nello spazio così come i controlli sulle offerte di impiego, fa dubitare che la legge serva ad avviare al lavoro, mentre la disoccupazione totale secondo il governo tornerà all’11 per cento. A dicembre 2018 nel presentare la misura-bandiera Di Maio citava il rapporto dell’Agenzia politiche attive del lavoro che individuava 1,9 milioni di famiglie, 5 milioni di persone e 1,2 milioni di giovani “in povertà assoluta”. L’evidenza ridimensiona anche questo. I poveri non mancano, ovvio, ma forse non lo sono in maniera assoluta, molti lavorano in nero o non sanno che farsene della card. Come ha detto anche la Conferenza episcopale italiana: “Non servono i sussidi, la dignità della persona passi attraverso la sua capacità di contribuire al progresso sociale e civile, la soluzione non potrà essere una mera erogazione monetaria”. Parole confermate dal minimo impulso che per il governo reddito e quota 100 potranno dare ai consumi e al pil: lo 0,2 per cento. Secondo il monitoraggio del ministero dell’Economia dei 7,1 miliardi triennali per il reddito di cittadinanza ne stanno avanzando 850 milioni nel 2019, a regime appunto il 35 per cento. Ma il M5s parla di “tesoretto”: magari per metterci le mani.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Chichibio

    17 Aprile 2019 - 14:02

    Dice che poi, magari, ti controllano. E se il controllo lo fanno davvero e poi gli risulta che in realtà povero non sei, ma solo evasore di redditi in nero? Meglio non svegliare il can che dorme. Che poi magari ti fanno lavorare!

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    17 Aprile 2019 - 08:08

    La Chiesa è la comunione dei fedeli, non la CEI, che è l'ufficio affari religiosi del PD. (Detto questo, sono contrario al reddito di cittadinanza.)

    Report

    Rispondi

Servizi