cerca

Il metodo del far nulla

Accordi gialloverde ostaggi della cultura del no. Il caso del riciclo dei rifiuti

19 Gennaio 2019 alle 06:00

Il metodo del far nulla

Foto LaPresse

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il non fare. E’ finita di nuovo senza un accordo la vicenda che vede contrapposte le posizioni di Lega e M5s in tema di riciclo dei rifiuti e per questo gli emendamenti al decreto Semplificazioni presentati dai due partiti saranno ritirati. Da una parte c’è la proposta dei senatori leghisti, che prevede che le regioni possano continuare ad autorizzare gli impianti con valutazioni “caso per caso”, dall’altra quella dei senatori grillini, che toglie questa autonomia agli enti territoriali e chiede di ricontrollare tutte le autorizzazioni fino a ora rilasciate per verificarne la conformità a un decreto vecchio di vent’anni, ormai inadeguato a campionare i materiali che oggi usiamo, consumiamo e ricicliamo piuttosto che a non meglio definite “linee guida” che il ministero dovrebbe emanare entro i prossimi mesi. Una misura che secondo le associazioni di categoria potrebbe determinare il blocco del settore, con il rischio conseguente di riciclare di meno e inviare una quantità maggiore di rifiuti in discariche e inceneritori.

 

Un pasticcio per il M5s, che ha sempre detto di considerare l’economia circolare come “un elemento fondamentale” per il sistema dei rifiuti e per l’ambiente. Imprese e regioni hanno ribadito il loro sostegno all’intervento leghista, ma in mancanza di un accordo politico ora si prospetta lo stallo, come ha rivelato ieri su Facebook il senatore Paolo Arrigoni, primo firmatario dell’emendamento del Carroccio. Non è la prima volta che le norme sul cosiddetto “end of waste” vengono rinviate da quando si è insediato il governo gialloverde. L’atteggiamento disfattista che ha accompagnato la vicenda potrebbe essere una spia per tutti quei provvedimenti secondari che non rientrano nel contratto di governo su cui Lega e M5s hanno posizioni diverse. Settori produttivi, come questo, che tratta ogni anno 56,5 milioni di tonnellate di rifiuti e ha un valore di 12,6 miliardi di euro, bloccati nel braccio di ferro politico di due alleati di governo incapaci di governare insieme.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marietto

    21 Gennaio 2019 - 12:12

    Nel riciclo siamo i primi in Europa perché le Regioni (soprattutto al nord) hanno distribuito autorizzazioni a piene mani per raggiungere risultati che, in realtà, sono fasulli. La verità è che, spesso, i rifiuti vengono fatti sparire: quelli organici, se va bene, finiscono in discarica o vengono bruciati in impianti poco idonei; quelli inorganici finiscono in buche, rilevati e strade mischiati con quel pochissimo di bitume o cemento che consentono di evitare i test di cessione. Questo andazzo trova la benedizione degli “ambientalisti intellettuali rossoverdi” che si prendono qualche consulenza dalle aziende. Il punto vero è che le Regioni hanno troppo spesso autorizzato end of waste senza valutazioni di merito. Se le autorizzazioni entrassero nel merito delle caratteristiche che gli end of waste devono garantire, il problema sarebbe risolto. I 5S, che tendono a bloccare tutto, in questo caso hanno ragione. Su altri temi ambientali ha ragione Salvini!

    Report

    Rispondi

Servizi