Italo viaggia con il fondo americano Gip

Un risultato contrario agli auspici dei ministri Padoan e Calenda che preferivano la quotazione in Borsa

8 Febbraio 2018 alle 11:27

Italo viaggia con il fondo americano Gip

Foto LaPresse

Dopo un lungo consiglio di amministrazione, durato molto più del previsto, gli azionisti di Italo-Nuovo Trasporto Viaggiatori hanno deciso di accettare l'offerta di Global Infrastructure Partners (Gip) vendendo l'intera società per 1,98 miliardi, a cui andranno ad aggiungersi 450 milioni di debiti che il fondo americano si prenderà in carico. Si ferma così il piano di quotare il 40 per cento della società in Borsa con una Ipo, da mesi allo studio del cda Italo, su cui si aspettava il parere della Consob nei prossimi giorni.

 

Chi è il top manager nigeriano che vuole assaltare Italo

Ritratto di Adebayo Ogunlesi, l'uomo d’affari di origini nigeriane alla guida del fondo che vuole acquisire Ntv

 

La notizia è arrivata nella tarda serata di ieri, ben più tardi della deadline fissata dagli acquirenti, che hanno dato a Italo poco più di ventiquattro ore di tempo per valutare. Secondo alcune indiscrezioni di stampa l'azionariato si sarebbe diviso tra chi, come Intesa Sanpaolo, Generali e Peninsula Capital, avrebbe preferito accettare l'offerta di Gip, e chi, come Diego della Valle, Luca Cordero di Montezemolo e Flavio Cattaneo, tra gli altri, spingevano per tentare la strada dell'Ipo. Il ritardo nel comunicare la decisione ha portato Gip a rilanciare di 800 milioni rispetto all'offerta iniziale, pari a 1,9 miliardi. A quel punto, nel giro di poche ore, il consiglio di amministrazione ha comunicato la propria decisione di vendere. Secondo le condizioni prospettate dal fondo, gli attuali azionisti di Italo possono reinvestire nell'azienda e acquistarne fino al 25 per cento. A Cattaneo e Montezemolo, rispettivamente amministratore delegato e presidente di Italo, è stato chiesto di continuare a mantenere le proprie cariche, proposta su cui i due non si sono ancora pronunciati.  

Accettare l'offerta di Gip, fa notare Reuters, ha permesso a Italo di non dover affrontare nessuna incertezza legata al voto del prossimo 4 marzo nel caso di quotazione in Borsa e dimostra come, nonostante le elezioni, ci sia appetito per i beni italiani. 

   

Sulla questione erano intervenuti anche i ministri Carlo Calenda e Pier Carlo Padoan, senza nascondere la loro preferenza per il debutto a Piazza Affari. Nel pomeriggio di ieri, prima di conoscere l'esito della riunione del cda, in una nota congiunta hanno detto che pur apprezzando “l'interesse da parte di potenziali investitori”, “la quotazione in borsa della società” sarebbe stato “il perfetto coronamento di una storia di successo”.

 

Global Infrastructure Partners è un fondo da 40 miliardi di dollari con base a New York. Da più di dieci anni si occupa di infrastutture, investendo in progetti nel settore dei trasporti – soprattutto porti e aeroporti – e dell'energia. Italo, che è l'unica società ferroviaria privata a operare sull'alta velocità in Europa, consentirà a Gip di mettere un piede nel mercato europeo del ferro, finora caratterizzato da presenze monopolistiche e aziende partecipate pubbliche.

   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Carletto48

    08 Febbraio 2018 - 19:07

    Ma questi americani dove pagano le tasse?

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    08 Febbraio 2018 - 13:01

    Capisco le perplessità dei Ministri. Il fondo americano farà il fondo americano (almeno fosse stato europeo, gli acquisti americani abbiamo già visto che devastazioni hanno provocato in Italia) venderà gli asset migliori e addio Italo.

    Report

    Rispondi

  • Carletto48

    08 Febbraio 2018 - 12:12

    Tutti contenti per la perdita dell'ennesima azienda italiana.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    08 Febbraio 2018 - 12:12

    Mentre noi siamo impegnati in una campagna elettorale che si dipana tra la noia e il ridicolo sprigionati dai vari protagonisti, politici e mediatici, Italo ha preso il treno e se n’è andato. Un Gip, niente a che fare con la magistratura, s’è accollato anche i debiti e con un paio di miliardi s’è preso un’eccellenza italiana. Colonizzazione economica? Da notare, ed è un dato politico, che Italo era, e rimane, l'unica compagnia ferroviaria privata sull'alta velocità in Europa

    Report

    Rispondi

Servizi