La web tax divide il Pd. Il dibattito sul Foglio

Le critiche di Galli, la risposta di Mucchetti, Boccadutri: "La tassa danneggia il made in Italy"

La web tax divide il Pd. Il dibattito sul Foglio

Foto LaPresse

Web tax sì, web tax no. Sul Foglio di martedì 28 novembre avevamo pubblicato alcune analisi per spiegare gli “effetti collaterali” della tassa sull'economia digitale. Il deputato Pd Giampaolo Galli ha spiegato come a pagare le conseguenze del fardello sarebbero le piccole e medie imprese italiane, mentre al contrario le posizioni di Amazon e Google ne uscirebbero ulteriormente cristallizzate.

  


Dazio web(ete)

La web tax che colpisce le Pmi italiane e cristallizza la posizione di giganti come Google e Amazon


 

Il docente di Tor Vergata, Raffaello Lupi, ha sostenuto che con la web tax, a perderci, è la chiarezza e l’immagine del paese, mentre per Alfredo Macchiati della Luiss "il fisco non può affrontare l’economia digitale costruendole recinti attorno". 

  


  

Perché ci confermiamo un popolo di tassatori (anche virtuali)

Il fisco non può affrontare l’economia digitale costruendole recinti attorno. L’attualità della lezione di Einaudi


  

A queste osservazioni ha risposto, con una lettera al direttore del Foglio, il senatore Pd Massimo Mucchetti, promotore della web tax, offrendo le sue osservazioni e difendendo l'iniziativa del governo. L'intervento di Mucchetti è stato commentato, su Twitter, dal collega di partito Sergio Boccadutri, che lo ha criticato sostenendo che la tassa sarà nociva per il made in Italy e le piccole e medie imprese. 

  


Perché la web tax è una risposta ai monopoli gonfiati della Silicon Valley

Si accusa la norma di penalizzare le imprese italiane. Ma come? I clienti delle imprese web non pagano e non fanno nulla


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    30 Novembre 2017 - 11:11

    Tasse e nuove tasse:il Pd non si smentisce! H ragione da vendere il lettore Passariello:a pagare, come sempre, saranno consumatori e imprese. E i dirigenti del Pd, Renzi in testa, andranno in Tv a dirci che continuano ad abbattere le tasse... Ci provi il Foglio a trovare nella nuova ed ultima finanziaria di questo governo moribondo una dicasi una misura riformatrice strutturale atta a promuovere competitività e produttività, ovvero i fattori primari per la crescita. Altri debiti per altre mance, altro che.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    30 Novembre 2017 - 07:07

    Ma quale è la linea degli altri paesi europei sulla web tax? Che allineassero.

    Report

    Rispondi

  • Sergiopassariello

    Sergiopassariello

    29 Novembre 2017 - 21:09

    Sarà proprio così, a pagare la webtax saranno consumatori ed imprese. Altro che competitività. Questi costi aggiuntivi che le multinazionali scaricheranno sui di noi, ci renderanno ancora di più meno competitivi. Basti pensare ai costi di marketing social e/o ei motori di ricerca, ormai indispensabili per un azienda. Bene, con la Web tax aspettiamoci un aumento dei prezzi del 6%. Bravo il legislatore PD, che pur di portare avanti un capriccio dell'on. Francesci Boccia, farà pagare un'altra tassa al popolo italiano.

    Report

    Rispondi

Servizi