cerca

Bret Easton Ellis contro il pensiero di gruppo che deprime la cultura

Lo scrittore americano torna dopo nove anni con un libro contro quel "conformismo che ci trasforma in robot virtuosi"

2 Aprile 2019 alle 12:56

Bret Easton Ellis contro il pensiero di gruppo che deprime la cultura

Lo scrittore americano, Bret Easton Ellis (Foto LaPresse)

Roma. Due giorni dopo l’ultima notte degli Oscar, Bret Easton Ellis faticava a credere a quello che si diceva sulla vittoria del film Green Book. Il film non sarebbe altro che l’ennesima celebrazione retrograda dell’uomo bianco salvatore. “Il commento è molto più stupido di quanto mi aspettassi, il film viene usato come una specie di simbolo per qualcosa che non è, ma che sta accadendo nella cultura”.   Bret Easton Ellis, non certo uomo di destra o conservatore, è sempre...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulio Meotti

Giulio Meotti

Lavora al Foglio dal 2003. Si è laureato in Filosofia. Ha scritto per il Wall Street Journal. È autore di quattro libri su Israele, alcuni tradotti in più lingue. È sposato. Ha due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi