Gonne di Francia

Le case mai chiuse di Parigi dove andava il meglio della République. Madame Claude e le altre: un’inchiesta impubblicabile, ora un libro

20 Settembre 2017 alle 16:23

Gonne di Francia

Un'immagine del film francese "L'Appollonide (Souvenirs de la Maison Close)" diretto da Bertrand Bonello

Il 13 aprile 1946, la loi Richard impose in Francia la chiusura delle case di tolleranza. All’origine del provvedimento, c’era Marthe Richard, una ex prostituta diventata, nell’immediato dopoguerra, consigliera municipale del Quarto arrondissement di Parigi. Facendo leva sulla cattiva reputazione di molte tenutarie delle case chiuse, derivata dai loro legami con il regime collaborazionista di Vichy, la Richard fece passare la sua legge dopo un discorso, pronunciato davanti al Consiglio comunale, nel quale attaccava la società francese, “responsabile della depravazione...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi