cerca

Perché la missione umanitaria "Mediterranea" rischia di diventare un boomerang

Mezzi inadeguati, personale non preparato, ricerca dello scontro diplomatico. "Politicizzare i salvataggi in mare rischia di non portare benefici", dice Matteo Villa dell'Ispi

5 Ottobre 2018 alle 19:15

Perché la missione umanitaria "Mediterranea" rischia di diventare un boomerang

Un barcone nello Stretto di Gibilterra (foto LaPresse)

Una piccola missione umanitaria nel Canale di Sicilia rischia di compromettere le operazioni di salvataggio dei migranti nel Mediterraneo, già rese complesse dalla politica dei respingimenti adottata dal governo italiano. Nella notte tra mercoledì e giovedì il piccolo rimorchiatore Mare Jonio è salpato dal porto di Augusta per dirigersi verso le acque sar (search and rescue) della Libia, nell'ambito dell'operazione denominata “Mediterranea”. La missione è stata preparata in gran segreto durante gli ultimi mesi e coinvolge ong (Sea Watch), associazioni (Ya Basta Bologna e Arci), e politici (Fratoianni, Palazzotto, Vendola e Muroni) che hanno raccolto i finanziamenti necessari. L'obiettivo – spiega il sito di “Mediterranea” – è quello di svolgere l'“essenziale funzione di testimonianza, documentazione e denuncia di ciò che accade in quelle acque, e che oggi nessuno è più messo nelle condizioni di svolgere”. Quasi un assist per il ministro dell'Interno Matteo Salvini, che l'ha subito definita una "nave di scalcagnati dei centri sociali che va a prendere tre merluzzetti". "E' una sentinella civica, benvenga", ha commentato invece l'altro vicepremier, Luigi Di Maio, ribadendo la scarsa condivisione di vedute con la Lega in tema di immigrazione.

  

Mare Jonio è un'imbarcazione datata – varata nel 1972 – e rimessa a nuovo per l'occasione, ma soprattutto piccola, con appena 35 metri di lunghezza e 9 di larghezza. E' coadiuvata dal veliero Astral dell'ong Proactiva Open Arms, l'unica nave umanitaria ancora attiva nel Mediterraneo centrale (anch'essa con soli compiti di osservazione) e da una goletta con a bordo giornalisti e mediatori culturali. Degli 11 membri dell'equipaggio a bordo del Mare Jonio, fatta eccezione per due operatori dell'ong Sea Watch, nessuno ha esperienze di operazioni sar in mare. La nave è dotata di un solo Rhib (la sigla sta per Rigid Inflatable boats), uno dei piccoli motoscafi adatti a svolgere salvataggi, anche in condizioni difficili. Un container è stato invece adattato a ospedale di bordo, pronto a prestare soccorso in caso di emergenza.

 

Nonostante la missione voglia essere una risposta delle ong alla campagna anti-migranti voluta dal governo gialloverde, le criticità sono diverse. “L'idea di fondo, quella di aumentare l'attenzione generale nel Mediterraneo, è giusta. Ma politicizzare i salvataggi in mare rischia di non portare benefici, soprattutto nel lungo periodo”, spiega al Foglio Matteo Villa dell'Ispi. Secondo il ricercatore, che da anni studia i flussi migratori attraverso il Mediterraneo, gli strumenti a disposizione di “Mediterranea” sono inadeguati rispetto all'obiettivo della missione: “Pensare di pattugliare una zona tanto vasta con una sola imbarcazione non ha senso, oltre a comportare un esborso eccessivo tra carburante e strumentazione. Se davvero l'attività principale è quella di monitorare, è molto più efficace usare gli aerei, come succede già con i 'Piloti volontari', attivi con ottimi risultati da maggio”.

 

Ma l'aspetto ancora più preoccupante riguarda i rischi cui saranno sottoposti sia i migranti sia l'equipaggio di “Mediterranea”. Dice Villa: “Le perplessità sono tante e sono condivise anche da molti altri operatori umanitari che con professionalità compiono attività sar. Sotto diversi punti di vista, sia logistici sia politici, la missione è pronta a trasformarsi in un disastro a causa della notevole approssimazione con cui è organizzata, dice il ricercatore dell'Ispi. Nella migliore delle ipotesi l'operazione potrebbe risolversi in una magra figura, come già successo un anno fa con 'Defend Europe', la nave anti-ong partita per ostacolare le missioni umanitarie e poi finita in avaria”. Ma potrebbero crearsi anche circostanze più complesse. “In caso di identificazione di un barcone in emergenza non è chiaro come si comporterà Mare Jonio. Sulla base di quanto avviene già adesso, è probabile che contatterà il comando Mrcc di Roma che coordina le operazioni di salvataggio e che, a sua volta, contatterà le autorità libiche. Nel caso di intervento delle motovedette di Tripoli potrebbe succedere di tutto: il rimorchiatore come intende agire? Interverrà? Segnalerà l'emergenza e basta?”, si chiede Villa. Per non parlare delle difficoltà logistiche: “In quei momenti concitati i migranti, soprattutto alla vista delle motovedette libiche, sono presi dal panico, molti si gettano in acqua per paura di essere riportati indietro. A bordo del rimorchiatore pare possano essere raccolte poche persone, e certo non per lunghi periodi di tempo”. Andare a cercare lo scontro aperto o l'incidente diplomatico per riaccendere l'attenzione dei governi sui salvataggi in mare può trasformarsi in un boomerang per le ong. La mobilitazione è figlia senza dubbio della politica migratoria più stringente adottata dal governo italiano. “Ma affidare a gruppi antagonisti le operazioni di salvataggio, senza una preparazione e una visione di lungo periodo – conclude Villa – rischia di essere controproducente per chi ritiene i salvataggi in mare una questione molto seria”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    08 Ottobre 2018 - 13:01

    Epperò, se questi bravi figlioli dei centri sociali e della sinistra buonista si stessero organizzando per trasferirsi in Africa e realizzare colà centri di raccolta, formazione e recupero dei poveri disperati avrebbero il plauso di almeno una sessantina di milioni di italiani.

    Report

    Rispondi

  • Daria

    06 Ottobre 2018 - 10:10

    Per fortuna, in Italia gente come questi comunisti-spaghetti ce ne sono pochi.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    06 Ottobre 2018 - 08:08

    Salvini ringrazia. Continuate così e lo vedremo al 60%. Bravi sono proprio bravi.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    05 Ottobre 2018 - 21:09

    Ci sono alcune persone che sulla carta di identità nella riga 'lavoro' scrivono salvatore umanitario.Ora anche i centri sociali che in gran numero sono schedati nei registri delle forze dell'ordine si sono trasformati in super buonisti.e Bergogio li aizza.luigidesantis

    Report

    Rispondi

Servizi