cerca

Contro Saviano (o Veronesi) su Salvini

Non ci siamo: metterla sull’odio e sul piacere sadico è non avere capito il punto grave

20 Luglio 2018 alle 18:40

Contro Saviano (o Veronesi) su Salvini

Foto LaPresse

Avevo promesso a me stesso di non occuparmi più di Roberto Saviano. A suo tempo avevo pubblicato “Eroi di carta”, un libretto critico nei confronti della sua retorica che scimmiottava il peggior Leopardi (“contro la mafia combatterò, procomberò sol io, ecc.”). Nell’occasione ho ricevuto attacchi furibondi e personali, anche sul giornale per cui scrivo da quarant’anni, Il manifesto, oltre che apprezzamenti vari. Ho risposto agli attacchi sensati e ho ignorato gli insulti. Fine per me della faccenda. Ma ora che mi pareva di essere dalla stessa parte della barricata proprio con Saviano, nella difesa di un minimo senso di umanità contro l’orrenda politica gialloverde sulle migrazioni, ecco che giorni fa ho letto questa apostrofe di Saviano a Salvini: “Ministro della malavita, quanto piacere le dà veder morire bimbi innocenti in mare? Ministro della malavita, l’odio che ha seminato la travolgerà”. Non ci siamo proprio, esattamente come nell’invito di Veronesi a Saviano a “mettere i loro corpi” sulle navi che soccorrono i migranti, ecc.

  

Questa enfasi personalistica, e in fondo narcisistica, degli scrittori impegnati non è soltanto inutile, è dannosa. Sbarazziamoci della boutade dei corpi. Aspettiamo con vivo interesse che Veronesi, con o senza Saviano, si imbarchi su nave o panfilo umanitario. Ma anche se lo facesse non servirebbe a nulla, se non a far felice il suo editore per un po’ di pubblicità in più. Gli operatori delle ong imbarcati lavorano in silenzio, come si conviene a chi affronta la sofferenza e la morte. Questo è un campo in cui il pudore dovrebbe regnare sovrano.

  

Ma la faccenda di Saviano versus Salvini non è tanto ridicola quanto fuorviante. Non c’è alcun bisogno di pensare che Salvini sia contento di vedere annegare donne e bambini. Non è questo il punto, anche se i continui riferimenti del truce politico padano a se stesso come “ministro e papà” sono grotteschi. Il godimento sadico, che un tempo mandava in sollucchero i filosofi francesi, qui non c’entra. Sono la cecità, l’indifferenza, la mediocrità e la stupidità di chi ci governa (e, diciamolo, di chi crede in loro) a lasciare senza fiato. Di Salvini che fa accordi con le infami milizie libiche (come già Minniti, a dire il vero), che cavalca la disinformazione di massa sui migranti e si va ad alleare con quelli che i migranti li vogliono rimandare in Italia; ma anche di Di Maio, che tace ipocritamente su tutta la questione; di Fico che fa il dissidente, ignorando chi ha contribuito a fargli avere la sua carica; per non parlare di Bonafede, che ora dice di apprezzare le ong, dopo che il suo movimento ha fatto di tutto per espellerle dal Mediterraneo (i famosi “taxi del mare” del garrulo capo politico Di Maio). Il cinismo in politica ci sta, ma qui siamo all’indecenza diffusa, a un’infamia piccola piccola, borghesuccia, come si addice a tutti questi parvenu e modestissimi arrampicatori sociali e politici che si sono impadroniti del paese per l’ignavia e l’incapacità altrui.

  

No, non c’è alcun bisogno di attribuire alcun odio, né male radicale, a Salvini. Semmai, la capacità furbesca di tradurre le paranoie in voti e consenso, costi quel che costi. Qui il delitto è per così dire oggettivo, sistemico, privo di qualsiasi profondità. E per ciò terrorizzante, perché per questa malvagità della porta accanto non è prevedibile alcuna punizione, umana o divina, ma l’indifferenza collettiva.

  

Mettendola sull’odio per i migranti e sul piacere sadico, Saviano dimostra di non avere capito né il fascismo leghista, né il parafascismo grillino. E questa incomprensione è pessima cosa, vista la risonanza della sua voce nel tetro panorama mediale italiano. I buoni si sentiranno la coscienza a posto, specchiandosi nell’odio. E i cattivi se ne fotteranno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • hovannes1941

    21 Luglio 2018 - 10:10

    Profondo, magnifico articolo. Mi permetto una chiosa, che mi detta la fede: la giustizia divina esiste eccome, e per tutti, anche 'per quello della porta accanto', che sono tanti, tanti!. Per quella umana, ohimè, hai ragione. Gianni da Padova

    Report

    Rispondi

  • plutotto

    21 Luglio 2018 - 10:10

    No Saviano non sei solo nella tua battaglia contro Salvini! l'Italia è purtroppo piena di stronzi che sono solidali ncon te.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    21 Luglio 2018 - 01:01

    Non si scoraggi, Dal Lago. Lei è un fortunato,ha individuato la soluzione del problema esistenziale che angoscia la coscienza di ogni persona umana, da Adamo fino a noialtri suoi contemporanei: il discrimine chiaro tra il Bene e il Male. Per Lei, il Male assoluto è il Fascismo ed il Bene assoluto è l'Antifascismo. Tutto lì. Beato Lei. ...ohj bella ciao! èh? Il guaio nostro invece, è che l'orologio ci è andato avanti, da Piazzale Loreto, di altri biblici settant'anni, e con mutamenti sociali, progressi tecnologici e sconvolgimenti politici coi quali nessuno riesce più a stare al passo! Comunque Lei ha avuto l'idea migliore - anche a non condividerne la soluzione: centrare cosa è bene, e cosa è male. Sennò è inevitabile perdersi in bazzecole, quisquilie, pinzellachere. Senza nemmeno sapere, malgrado la Ssciénza, se è nato prima l'uovo, o la gallina.-

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    20 Luglio 2018 - 21:09

    Se Saviano si mette in barca lo spediscono all’isola delle femmine in Sicilia. Saviano cerca rogna dicono a Roma. In Germania invece di protestare contro le sanzioni post belliche della prima guerra mondiale hanno fatto si che questa la facesse Hitler, in Italia, stesso periodo, la borghesia invece di rivendicare la rabbia popolare per averci lasciato a zero e con una crisi da paura aprirono la strada a Mussolini. Oggi alla crisi aggiungiamo i migranti e la sicurezza personale e pari siamo. La differenza è che Salvini non è il messia ma solo il battista e di Saviano non frega niente a nessuno. Il popolo vota altrove e non lo fa di pancia ma un po più in basso e non saranno i Saviano a fermare il vagone letto in arrivo ma le cose serie, pratiche e ovvie che non si voglione vedere per poi fare autocritica a sfascio avvenuto. Dire, l’opposizione oggi no ai migranti non è fascismo ma ovvietà, responsabilità e ragionevolezza e a seguire il resto che conta. I voti? Seguiranno in itinere,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi