cerca

L'editore paga i debiti con i giornalisti. Niente asta per l'Unità

La testata doveva essere messa in vendita lunedì, ma la proprietà ha versato tutte le somme richieste dai giornalisti. La gara è stata quindi sospesa

18 Maggio 2018 alle 20:27

L'editore paga i debiti con i giornalisti. Niente asta per l'Unità

La testata dell'Unità non andrà all'asta. Non seguirà la sorte delle bottiglie di vino né della lampada a infrarossi con cui ha condiviso, per alcuni giorni, lo spazio annunci del sito ufficiale dell'Istituto vendite giudiziarie di Roma. L'azienda Unità srl, come riporta Prima Comunicazione, ha infatti versato l'intera somma richiesta dai giornalisti, compresi gli interessi e le spese legali. Così il giudice Federico Salvati della III sezione Esecuzioni mobiliari del Tribunale Civile di Roma ha emesso l’ordinanza di conversione dell’asta.

 

Vendita sospesa e un sospiro di sollievo dei lavoratori che, dopo non aver ricevuto due stipendi, avevano deciso di procedere con il pignoramento. “L’asta per l’acquisto della storica testata, fondata da Antonio Gramsci nel 1924, sarebbe iniziata lunedì mattina, 21 maggio, ma la società proprietaria è riuscita ad evitarla versando in un’unica soluzione le somme richieste dai giornalisti”, spiegano i legali dei giornalisti Iolanda Giordanelli e Valerie Stella De Caro Giordanelli, del Foro di Cosenza.

 

“È stato un grande risultato – gli fanno eco Maria Zegarelli e Massimo Solani, componenti del Comitato di redazione – È stato necessario rivolgersi ad un tribunale, arrivando al pignoramento della testata, per veder riconosciuto ai giornalisti il diritto allo stipendio. Un diritto più volte rivendicato senza ottenere mai alcun riscontro da parte dell’azienda proprietaria del quotidiano fondato da Antonio Gramsci”. 

 

In un comunicato l’editore Piesse sottolinea che “il tribunale di Roma ha disposto la liberazione dal pignoramento della testata giornalistica l’Unità, appartenente ad Unità s.r.l., con soddisfazione dei giornalisti del quotidiano che hanno percepito tutto quanto si attendevano. La storica testata non va più all’asta e rimane quindi nella piena titolarità di Unità s.r.l. che sta facendo e farà quanto necessario per mantenerne integro il valore”. Il prossimo 31 ottobre è fissata la nuova udienza per il riparto della somma tra i creditori. Ma per il quotidiano c'è anche un altro scoglio da superare. Entro la fine di maggio gli editori dovranno far uscire almeno un numero dell'Unità evitare di far decadere la testata che ha cessato le pubblicazioni il 3 giugno dello scorso anno.

 

[Questo articolo è stato modificato a seguito di richiesta di rettifica dell'ufficio stampa dell'editore Piesse]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi