cerca

“Senza fine, il processo è senza fine”. Il giurista le canta

Giovanni Flora s’è messo davanti al microfono e ha cantato. Ma invece della litania malinconico-depressiva di Gino Paoli, c’è una perfetta confutazione musicale, e un tantino più disperante, del processo lungo: anzi ormai “senza fine”

30 Novembre 2019 alle 06:10

“Senza fine, il processo è senza fine”. Il giurista le canta

La voce non è esattamente quella di un crooner, l’outfit da avvocato non proprio confidenziale, alle spalle una libreria di legno che pare un mobile da sacrestia. Ma il testo della cover è ben trovato, nel gioco del paroliere Fausto Giunta (citato nei credit). Gira da ieri in rete un video geniale, già di culto tra i connoisseur e i garantisti che non ne possono più di Bonafede. L’avvocato professore di Diritto Giovanni Flora s’è messo davanti al microfono e ha cantato Senza fine. Ma invece della litania malinconico-depressiva di Gino Paoli, c’è una perfetta confutazione musicale, e un tantino più disperante, del processo lungo: anzi ormai “senza fine” mercé l’abolizione della prescrizione.

 

Gino Paoli e la riforma della prescrizione

Giovanni Flora, professore di diritto penale all'Università di Firenze, cambia il testo della canzone: “Senza fine, il processo è senza fine”

 

Due minuti di pura cultura giuridica messi in canzonetta: “Senza fine, il processo è senza fine / Non ha oggi non ha domani / è tutti i giorni tutti gli anni / finché vive l’imputato / che non ha patteggiato”. Ondeggia un po’ gigione, un po’ rassegnato, l’avvocato: “Che ci importa della CEDU / che ci importa della Pintu / l’importanto è che durante / si diverta il giudicante”. Lo scorso anno il ministro della Cultura australiano si era messo a cantare sulle note di The Sound of Silence; il ministro Gualtieri, con l’aplomb di un Segovia redivivo, ha eseguito alla chitarra Bella ciao. Ma quelli erano divertissement. Chissà se, con la musica di Gino Paoli, qualcuno ascolterà. Senza fine, la giustizia è senza fine, “sopravvive una speranza / che col tempo cresce e avanza / e diventa un’ossessione e si chiama prescrizione”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    02 Dicembre 2019 - 10:24

    Su youtube non si trova: non c'e'?

    Report

    Rispondi

Servizi