cerca

Editori puri, mi raccomando, ma niente critiche al governo

I casi di Francia, Regno Unito e Stati Uniti dimostrano che l'anomalia italiana, come la definiscono i gialloverdi, non esiste

1 Dicembre 2018 alle 06:16

Editori puri, mi raccomando, ma niente critiche al governo

Jeff Bexos (foto LaPresse)

Sulla questione della mancanza di editori puri come tipica anomalia italiana, può essere utile leggere il fact-checking pubblicato dall’Agenzia Italia. Il criterio adottato nella verifica fattuale è abbastanza semplice. Si considera puro l’editore che ha il suo unico o largamente maggioritario interesse economico nell’editoria e preponderanza su eventuali soci impuri. Con questo criterio si può verificare che l’anomalia italiana non esiste. Se, è scritto nel report dell’Agi, i cinque quotidiani italiani “hanno tre editori palesemente impuri, due hanno editori puri o quasi”. Non è un gran che ma non è la situazione peggiore. In Francia ad esempio “i tre maggiori quotidiani sono tutti posseduti da editori impuri” e casi di editori di questo tipo sono presenti "anche nel mondo anglosassone, Regno Unito e Usa". Jeff Bezos è proprietario del mitico Washington Post e per questo è attaccato da Donald Trump che pure con i conflitti d’interesse ha qualche frequentazione. Un’anomalia italiana si può trovare invece se si passa dall’analisi delle proprietà alla storia. Gli editori impuri sono nati col fascismo. Fu Mussolini a espropriare, con ricchi indennizzi per la verità, gli editori puri, i Frassati e gli Albertini, per sostituirli con gli Agnelli e i Crespi. Gli editori liberali non erano disponibili a cantare le lodi del fascismo, gli imprenditori si adeguarono ben volentieri. Oggi c’è al governo chi dice di voler recuperare la purezza editoriale, ma vi aggiunge l’obbligo per la stampa di non criticare il governo. Questo fa pensare a intenzioni simili a quelle di chi ha suo tempo fece il percorso inverso. Simili, sia chiaro. Simili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • dinissag@hotmail.com

    dinissag

    02 Dicembre 2018 - 22:10

    da Igino Garbini - Ma l'impurità della proprietà forse oggi è marginale rispetto al condizionamento che esercitano gli "INSERZIONISTI". Non riferisco a chi paga la pubblicità ma a quelli che pagano per accedere agli algoritmi della Silicon Valley per incrementare senza scrupoli l'efficacia della propria comunicazione. Così ormai qualsiasi editore, anche se puro, non può prescindere da queste raffinate dinamiche di condizionamento che stanno sostenendo ad es. le "democrazie illiberali". Forse è per questo che Mediaset ed Il Giornale sembrano sempre aver sostenuto più Salvini che Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • lucio

    01 Dicembre 2018 - 16:04

    A parte il refuso tipografico finale, un’analisi fulminante e ironica, come suo solito.

    Report

    Rispondi

Servizi