Chi c'era in piazza contro il Rosatellum

Alla manifestazione contro le legge elettorale erano più numerosi gli oratori che il pubblico. Alla fine in dodici hanno anche applaudito 

25 Ottobre 2017 alle 06:00

Chi c'era in piazza contro il Rosatellum

LaPresse/Fabrizio Corradetti

La manifestazione di ieri davanti al Senato, mentre il governo poneva la fiducia sulla legge Rosato, poteva essere interpretata attraverso la categoria della sproporzione. Le parole che venivano pronunciate dal palco evocavano un quadro fosco per la democrazia, denunciavano l’illegittimità del parlamento riunito e di quello che verrà eletto. Ad ascoltare gli oratori, numerosi, un pubblico che non si poteva definire con lo stesso aggettivo. Duecento persone, nei momenti di maggiore affollamento. Le bandiere, che pure venivano sventolate, hanno senz’altro vissuto momenti migliori ma sarebbe ingiusto, perfino vile, infierire.

    

I tempi delle mobilitazioni di massa sono finiti. Per tutti. Resta il problema del rapporto fra le parole e le cose. Non si può non considerare come se fosse vero l’assunto che ha portato in piazza quelle decine di persone, la democrazia sarebbe davvero spacciata. Per fortuna di tutti non è così, almeno per ora. La manifestazione ha visto protagoniste le forze politiche a sinistra del Pd. C’erano Vendola, Fratoianni, Civati, Russo Spena, Fassina, D’Attorre. Per Mdp ha parlato il senatore Fornaro, presenti i capigruppo di camera e senato ma mancavano i leader. La manifestazione è stata perciò conclusa dal senatore a cinque stelle Vito Crimi e fra gli oratori si sono segnalati il giudice Antonio Eposito, quello della sentenza di condanna per Berlusconi motivata con una intervista al Mattino in dialetto napoletano, e Marco Travaglio, ascoltato con grande attenzione. Alla fine in dodici hanno anche applaudito. Giulietto Chiesa ha parlato ininterrottamente, ma ai piedi del palco ai malcapitati che gli stavano vicini. E’ tutto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lucafum

    25 Ottobre 2017 - 22:10

    Il dettaglio, che Bordin sa inquadrare in ogni notizia, è sempre illuminante.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    25 Ottobre 2017 - 08:08

    Antonio Esposito giudice di Cassazione? E padre di un magistrato delle cui vicende forse il Foglio potrebbe rioccuparsi se volesse ritenerle meritevoli di maggiore interesse rispetto alle manifestazioni della sinistra contra rosatellum. Duecento partecipanti sono una follla sterminata, se consideriamo che trovano ampio spazio sui tg manifestazioni con venti trenta partecipanti!

    Report

    Rispondi

Servizi