Perché è un errore ignorare quanto sta accadendo in Somalia

Perché l’attenzione dei media italiani verso l'attentato di Mogadiscio che ha causato 300 vittime è stata prossima allo zero

19 Ottobre 2017 alle 06:10

Perché è un errore ignorare quanto sta accadendo in Somalia

foto LaPresse

Gli attentati dell’estate del 1998 alle ambasciate Usa in Kenya e Tanzania, effettuati contemporaneamente da al Qaida, causarono complessivamente 223 morti, in grandissima parte africani, secondo le stime definitive. Venne ritenuto uno degli attentati più gravi compiuti in Africa. L’attentato che alla fine della settimana scorsa ha sventrato un albergo e diversi altri palazzi nella zona più densamente frequentata di Mogadiscio ha causato 300 vittime secondo stime provvisorie purtroppo destinate a crescere. Eppure l’attenzione dei media italiani verso un evento così tragicamente significativo è stata prossima allo zero. 48 ore dopo l’attentato, la Somalia era di nuovo scomparsa dalle pagine dei principali giornali e anche da quasi tutti gli altri. Le eccezioni sono state pochissime, il solito Avvenire, l’unico quotidiano che segue con una certa continuità le vicende africane, e questo giornale che alla vicenda somala ha dedicato anche un editoriale. Trattare la Somalia come un periferico e politicamente irrilevante grand guignol è particolarmente insensato proprio nel nostro paese. Non solo per i legami storici comunque costruiti nel passato coloniale, non solo per una molto più recente e sfortunata missione militare pure non priva di ombre, ma soprattutto per la nuova attenzione che proprio il governo precedente a questo in carica, attraverso l’allora ministro degli Esteri Gentiloni, dedicò a quella parte del mondo destinando un ambasciatore, Luciano Pezzotti, a seguire le vicende del Corno d’Africa e in particolare la ricostruzione dello stato somalo e la presenza di una nostra base militare a Gibuti. La grande stampa però sembra non essersene accorta, persa dietro Asia Argento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    20 Ottobre 2017 - 13:01

    Bordin forse sottovaluta il sollievo del giornalista collettivo, che sarebbe stato costretto ai soliti salti mortali per non nominare la matrice islamica della strage e per intestarla al passato colonialista italiano.

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    19 Ottobre 2017 - 21:09

    Uno si ritrova a dire: è vero. E a constatare che la vera Rivoluzione prossima ventura è quella della verità. Il Grande Bordin se n'è accorto per primo ; vorrei dire a pari merito con me ma si prega di ignorare ciò. Rivoluzione , verità. Il punto è questo. Grazie Eccelso Massimo.

    Report

    Rispondi

Servizi