cerca

La Terza Repubblica si fonderà sul pilastro della prima: il proporzionale

Si chiude il periodo iniziato con i referendum di Mario Segni e in parte dei radicali, dopo venticinque anni di progressivi slittamenti dall’idea originaria, quella del maggioritario uninominale puro

13 Dicembre 2016 alle 05:30

La Terza Repubblica si fonderà sul pilastro della prima: il proporzionale

Una seduta del Senato (Foto La Presse)

“Non è che possiamo piazzare all’inizio della terza repubblica i pilastri della seconda. Non è che, continuando con la torsione della rappresentanza, risolviamo i problemi”. Queste parole, pronunciate ieri da Matteo Orfini nel corso della direzione del Pd, sono forse state le più significative della intera riunione. Orfini rispondeva a chi esplicitamente riproponeva il Mattarellum per uscire dall’impasse ma in realtà le sue parole erano implicitamente critiche anche verso l’ultimo, contestato e non ancora sperimentato, sistema elettorale, prodotto dal governo Renzi. La Terza Repubblica, se mai vedrà la luce, si fonderà sul pilastro della prima: il proporzionale. Si chiude il periodo iniziato con i referendum di Mario Segni e in parte dei radicali, dopo venticinque anni di progressivi slittamenti dall’idea originaria, quella del maggioritario uninominale puro, da subito modificata, prima dal quesito referendario, inevitabilmente, poi dalla trascrizione legislativa, con scelte non altrettanto necessitate, infine con la mutazione in un altro sistema, definito dal suo stesso ideatore una obiettiva porcata. Adesso il giro si è completato e si torna alla prima casella. Resta però un problema. La “torsione della rappresentanza”, per dirla con le parole di Orfini, grande o piccola che sia, esiste in qualsiasi sistema elettorale. Anche nel proporzionale. Non esiste un sistema che dia rappresentanza perfetta, sarebbe un paradosso, una carta geografica 1:1, come la “mappa dell’impero” di cui ha scritto Borges. Prepariamoci a un dibattito sulla torsione sostenibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    13 Dicembre 2016 - 18:06

    "Celli: pur di non star zitto apri sempre bocca a sproposito". Questa è la frase che mi ha accompagnato dalla mia tarda adolescenza: in clan ( gli ultimi anni di vita comunitaria negli scout), nelle A.C.L.I. come servizio extraassociativo di tipo politico scelto in clan per dimostrare la conciliabilità dell'appartenenza ad un gruppo apolitico ancorché cattolico(agesci) con la frequentazione di un gruppo cattolico politico (le acli) ancorché apartitico. Mi chiedo: e la proposta Ruffilli? nel 1986 fu ucciso a casa sua dalle Br. Non credo per la sua proposta di riforma elettorale. Ricordo (non ho aperto wikipedia per rendermi più vulnerabile) che era a doppio turno; ciò stemperava il proporzionalismo che , se non ricordo male, ne caratterizzava il primo turno. Egli la descrisse nel suo "il cittadino come arbitro",ed. AREL. A me poco più che ventenne piacque il ballottaggio fra coalizioni unite da programma predefinito,non post. ma sicuramente nel ricordare sbaglio qualcosa..

    Report

    Rispondi

    • fabriziocelliforli

      14 Dicembre 2016 - 19:07

      (..comunque, dal 1993 non sono più né nel'agesci né nelle acli..)

      Report

      Rispondi

Servizi