cerca

Nostalgia borbonica

A San Giorgio a Cremano il comune ha votato per intitolare a Carlo III la piazza su cui si affaccia il municipio, sostituendo la precedente dicitura dedicata a Vittorio Emanuele II

12 Settembre 2018 alle 15:39

Nostalgia borbonica

Carlo III

Con i se e con i ma la storia non si fa, ma pensate all’evenienza che dopo i Savoia vengano i Borbone. È appena successo a San Giorgio a Cremano, dove il comune ha votato per intitolare a Carlo III la piazza su cui si affaccia il municipio, sostituendo la precedente dicitura dedicata a Vittorio Emanuele II. Non discuto i meriti del sovrano settecentesco o dei Borbone in genere – questa rubrica si è già prodotta in un nostalgico elogio del complesso di San Leucio a Caserta – né mi sorprendo per questi rigurgiti storici che in Campania sono abituali: un paio d’anni fa, a Pimonte, il locale municipio inalberò il vessillo gigliato. Colpisce piuttosto la sostituzione fra teste coronate, nonché l’utilizzo retroattivo di Carlo III allo scopo di svellere il nome del monarca sabaudo. Quest’atto sottintende che i guai della Campania siano colpa dell’Italia – esattamente come Luigi De Magistris si propone di cancellare il debito di Napoli perché non è stato contratto dai napoletani ma “dagli usurpatori” – rifugiandosi in un passato astratto, ingenuamente elevato a età dell’oro il cui mantenimento avrebbe fatto andare tutto per il verso giusto. Anche se il sindaco di San Giorgio dice che l’intitolazione a Carlo III “rappresenta il recupero e il rispetto di un sovrano che si autodefinì napoletano”, la rimozione punitiva di Vittorio Emanuele II è un modo di sgravarsi da un secolo e mezzo di responsabilità; è un modo di non provvedere a una più sincera ridefinizione toponomastica scrivendo sulla targa “piazza del se, piazza del ma”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • robyv73

    13 Settembre 2018 - 15:03

    Chissà perché i fiumi di soldi che l’Italia unita ha riversato e riversa a questa gente non fanno mai schifo, se fossero onesti e con un minimo d’orgoglio rifiuterebbero tutto e si rimboccherebbero le maniche, invece votano in massa chi gli promette altri soldi senza fare nulla. Ipocrisia allo stato puro.

    Report

    Rispondi

  • carloalberto

    13 Settembre 2018 - 10:10

    Ma il prefetto non potrebbe/dovrebbe bocciare l'atto? Per inciso: Carlo non era napoletano, era spagnolo, finì a Napoli dopo aver sconfitto gli Asburgo d'Austria e tornò in Spagna come re Carlo III portandosi appresso le porcellane di Capodimonte. Anche al suo tempo vi erano critici di Carlo. I suoi laudatori posteri lo esaltavano per contrapporlo ai Borboni suoi successori. Dunque non vedo in tutta questa mitologia odierna che cosa ci sia di "democratico", di "sinistra", né perché il localismo napoletano/meridionale sarebbe buono mentre quello settentrionale (anch'esso contrario all'Unità d'Italia) sarebbe cattivo. Ma mi rendo conto che non potrà essere Giggino a spiegarlo.

    Report

    Rispondi

  • NAPOORSO

    13 Settembre 2018 - 08:08

    Guardi è così l'Unità ha danneggiato il sud.

    Report

    Rispondi

Servizi