Alberto Brambilla

Alberto Brambilla

Nato a Milano il 27 settembre 1985, ha iniziato a scrivere vent'anni dopo durante gli studi di Scienze politiche. Smettere è impensabile. Una parentesi di libri, arte e politica locale con i primi post online. Poi, la passione per l'economia e gli intrecci - non sempre scontati - con la società, al limite della "freak economy". Prima di diventare praticante al Foglio nell'autunno 2012, dopo una collaborazione durata due anni, ha lavorato con Class Cnbc, Il Riformista, l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) e il settimanale d'inchiesta L'Espresso. Ha vinto il premio giornalistico State Street Institutional Press Awards 2013 come giornalista dell'anno nella categoria "giovani talenti" con un'inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena.

Trovati 719 risultati

L'esca dell'Italia per investitori e mecenati esteri è il suo appeal
Non solo Tap. L'energia sprecata è quella a "chilometro zero"
Sollievo a Basilea, le banche festeggiano regole certe e più morbide
L’assoluzione  di Mussari minimizza il “banking horror show”  e impensierisce  Bankitalia
Così l'agricoltura campana riemerge dal fango mediatico della Terra dei Fuochi
Perché Ghizzoni verrà ascoltato in commissione banche
A sinistra l'acciaio non va più di moda
Numeri e tabù. Come il Jobs Act ha scongelato l'economia
In che senso "l'armonia fiscale europea" può essere virtuosa
Quante manie (mentali e storiche) dietro la Bitcoin-mania
La manovra asseconda Open Fiber e distorce il mercato della fibra
Dobbiamo dire addio al mito libertario della rivoluzione Bitcoin?
Perché l'esercizio del "golden power" ha bisogno di un collaudo
Perché Milano teme di perdere la grande occasione dell'Ema

Multimedia

Servizi