Alberto Brambilla

Alberto Brambilla

Nato a Milano il 27 settembre 1985, ha iniziato a scrivere vent'anni dopo durante gli studi di Scienze politiche. Smettere è impensabile. Una parentesi di libri, arte e politica locale con i primi post online. Poi, la passione per l'economia e gli intrecci - non sempre scontati - con la società, al limite della "freak economy". Prima di diventare praticante al Foglio nell'autunno 2012, dopo una collaborazione durata due anni, ha lavorato con Class Cnbc, Il Riformista, l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) e il settimanale d'inchiesta L'Espresso. Ha vinto il premio giornalistico State Street Institutional Press Awards 2013 come giornalista dell'anno nella categoria "giovani talenti" con un'inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena.

Trovati 733 risultati

Ragioni per diffidare dal pessimismo che serpeggia a Davos
Perché la Silicon Valley non è più essenziale per creare innovazione
Perché l'Italia deve recuperare vitalità. La lezione del Nobel Phelps
Non solo Moscovici. Perché il Portogallo può dare lezioni all'Italia
L'Auto sarà “fatta a pezzi” e Marchionne dà la sveglia ai costruttori a Detroit
Perché Ilva e Alitalia non partecipano al "gran ballo della ripresa"
La Francia catalizza la creazione di un campione bancario europeo
Una visione lungimirante per il fisco (con la testa in Europa). Parla Tavecchio
Bitcoin & Co. sono carburante per una battaglia finanziaria latente?
Siamo soltanto all'ouverture del "suicidio del 4 dicembre". Parla Vitale
La commissione banche può diventare seria solo a una condizione
Senza finanza non c'è progresso, ma in molti l'hanno dimenticato
Ricostruzione alla moviola del balletto Etruria-Vicenza
Le tre "F" che guidano la ripresa

Multimedia

Servizi