cerca

La minoranza egemone

Orgoglio omosex, diritti civili e corpo delle donne. Conversazioni.

1 Novembre 2014 alle 06:30

La minoranza egemone

La sua omosessualità non è mai stata un mistero, ma già nel 2011, quando a cinquant’anni Tim Cook raccolse l’eredità di Steve Jobs, il giornalista finanziario Felix Salmon, nel suo blog sulla Reuters, si chiedeva se l’informazione che lo riguardava fosse davvero così importante. E rispondeva di sì: era importante sapere che Cook diventava, nel suo nuovo ruolo, “il gay più potente del mondo”.

 

“Sono fiero di essere omosessuale e considero la mia omosessualità tra i più grandi doni che Dio mi ha dato… essere gay mi ha dato una più profonda comprensione di ciò che significa essere in minoranza e mi ha fornito una finestra sulle sfide che le persone in altri gruppi di minoranza fanno tutti i giorni”. Fierezza, sfida, minorità, opportunità: l’americano tranquillo, padrone di una delle aziende più importanti del mondo, diventa testimonial stellare delle battaglie Lgbt. Dignità e nozze gay, lotta alle discriminazioni e “omogenitorialità”: davvero tutto si tiene? Jacopo Coghe, presidente della Manif pour tous Italia, dice che “l’appello ai buoni sentimenti di Cook è l’altra faccia di una medaglia che chiama ‘uguali diritti’ qualcosa che avalla la lesione di altri diritti. Se significasse solo pari dignità delle persone, sarebbe fuori discussione. Ma nei ‘nuovi diritti’, di cui le rivendicazioni Lgbt sono parte, la posta in gioco sono i bambini, la filiazione, la generazione da un uomo e una donna: tutto questo è sotto attacco, e anche Cook dimentica che, molto prima delle religioni, l’unione feconda riguarda uomo e donna”.

 

Emma Fattorini, senatrice del Pd e prima firmataria di una proposta di legge sulle unioni tra persone dello stesso sesso, crede però che “non bisognerebbe farsi paralizzare dalla paura del ‘piano inclinato’. La lettera di Cook dice, in modo molto americano, alcune cose di buon senso insieme con altre più discutibili. Sono convinta che debba esserci una legge sulle unioni omosessuali, e che parlando di dignità delle persone bisognerebbe partire dalla solita domanda: quand’è che il mio diritto aggredisce il tuo? In questo modo – tagliando gli estremi, i totalmente chiusi a qualsiasi ipotesi di unione civile omosessuale e quelli del matrimonio gay – già si escludono ipotesi come l’utero in affitto, che lede certamente la dignità del corpo femminile”.

 

[**Video_box_2**]Aurelio Mancuso, anche lui del Pd, militante del movimento omosessuale italiano e presidente di Equality, è convinto che “ogni omosessuale abbia il proprio punto di vista, anche se siamo abituati a vedere le diversità di opinione assorbite dalla cultura dominante della comunità gay politicizzata, per cui ‘devi’ essere a favore del matrimonio e della maternità surrogata. E’ positivo che Cook parli di dono, che rivendichi la dignità. Non credo però che certe rivendicazioni ne facciano parte. Sono per le unioni civili che equiparino le coppie omosessuali a quelle eterosessuali, ma penso anche che la maternità surrogata, per esempio, sia lesiva del corpo delle donne, che sia usata da coppie gay o da coppie etero”. Mancuso aggiunge che “una lettera come quella di Cook in Italia sarebbe impensabile, a pari livello di responsabilità e di potere. Qui esiste una classe dirigente omosessuale che non ha bisogno di diritti, perché preferisce il privilegio dell’invisibilità. E poi l’America ha avuto Obama. Durante il suo madato da dieci sono diventati trentadue gli stati americani che riconoscono le nozze gay. In America le lobby sono una cosa seria”.
Il giornalista Daniele Scalise, per molti anni rubrichista del Foglio e autore di “Lettera di un padre omosessuale a sua figlia” (Rizzoli), dice che di fronte alla lettera di Cook ha avuto una reazione quasi desolata: “Possibile che ce ne sia ancora bisogno? Possibile che un signore di quell’età, di quell’esperienza, di quel ruolo economico e politico, debba usare toni che rimandano alla nera Rosa Parks che lotta per sedersi sull’autobus nella parte riservata ai bianchi? Detto questo, anche io penso che per me l’omosessualità sia stato un dono divino. Ma penso anche che a essere un dono divino sia la condizione umana”.

Nicoletta Tiliacos

E' nata a Roma, nel 1954. E' stata per dodici anni, dal 1984 al 1996, redattrice del mensile La Nuova Ecologia. Con un gruppo di femministe e ambientaliste ha fondato, agli inizi degli anni Ottanta, il Gruppo di attenzione sulle tecniche di procreazione artificiale, che organizzò a Bologna, nel 1986, il primo convegno italiano sulla generazione in provetta. Da allora si è occupata, sempre come giornalista, di questioni bioetiche.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi