cerca

Il Truce è un cultore di Leopardi

Nessuno lo sa, nessuno lo dice: Matteo Salvini è innamorato di quell’Infinito che in questi giorni compie due secoli 

29 Maggio 2019 alle 06:06

Il Truce è un cultore di Leopardi

Trattare gli avversari per quel che sono, mai più deturparli, mai più guardarli dall’alto al basso. Tra l’altro, come s’è visto, granché non rende. Bene. Ricorreva ieri il bicentenario della composizione dell’Infinito di Giacomo Leopardi. Nessuno lo sa, nessuno lo dice, ma Matteo Salvini, il barbaro, è un cultore di Leopardi. Non lo testimonia un tipo qualsiasi, lo dice Davide Rondoni, stimatissimo poeta, curatore di collane di poesia, ideatore di festival colti e fondatore del clanDestino, con la sua D maiuscola tutt’altro che banale. Salvini stesso ne citò un verso all’ultima Pontida: “Amare è l’occupazione di chi non ha paura”. Ma tornando al punto. Fu a un convegno di un paio d’anni fa sulla demografia che Rondoni commentò il Canto notturno di un pastore errante dell’Asia. Solo Salvini lo avvicinò alla fine, gli chiese, parlarono insieme di Leopardi. Per via di quel pastore, forse, o forse perché errante, chissà. Finché, un verso dopo l’altro, e canto dopo canto, il ministro degli Interni s’innamorò perdutamente di quell’Infinito che due secoli compie in questi giorni: “Così tra questa immensità s’annega il pensier mio: e il naufragar m’è dolce in questo mare”. Già bastava “s’annega” da solo , ma “il naufragar m’è dolce” tagliò la testa al toro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • verypeoplista

    verypeoplista

    29 Maggio 2019 - 12:12

    Caspita ! Giacomo il poeta (e non lo Zibaldone) precursore di Salvini (chi l'avrebbe mai detto e sul Foglio per giunta). Anche se penso che la figura del "Pastore" si sarebbe prestata molto meglio alla satira. Se "cominciamo" a strafare si può cadere nell'arido populismo di satira tanto caro al DinoVauro.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    29 Maggio 2019 - 08:08

    Mai più deturpare gli avversari. Ottimo e saggio proposito, caro Andrea’s. E basta giocare con gli appellativi, sarebbe il caso di aggiungere. L.’aver appellato Royal baby il prode Renzi stravincitore delle precedenti europee pare non abbia portato bene. Il continuare ad appellare Truce lo stravincitore delle recenti europee magari finirà con l’avere lo stesso effetto. Ovvero deludere le legittime aspettative politiche del Foglio. Insomma forse sarebbe il caso di smetterla con gli appellativi, magari ricordando pure la sorte politica toccata all’Amor nostro...

    Report

    Rispondi

Servizi