cerca

La Tav e la questione costi-benefici

Ecco il professor Marco Ponti, Politecnico di Milano, ottavo revisore dell'opera

3 Novembre 2018 alle 06:26

La Travaglio associati prenda lezioni dai francesi quando parla di Tav

Da cosa dipende se la Torino Lione si farà? Dall’analisi costi-benefici. Siamo tutti appesi all’analisi costi-benefici. Di analisi costi-benefici sulla Tav ne sono già state fatte, finora, sette. I benefici prevalevano sui costi. Chi fa adesso l’ottava analisi costi-benefici? Il professor Marco Ponti, Politecnico di Milano. E’ bravo il professor Ponti? Certo che è bravo. Come gli altri sette di prima. E’ onesto il professor Ponti? Certo che è onesto. Come gli altri sette di prima. E’ possibile che il professor Ponti dia un parere diverso dagli altri sette? Che valuti i costi superiori ai benefici? E’ possibile. Sarebbe il suo un imbroglio? Certo che no. Ma perché è possibile? Perché ogni analisi costi-benefici dipende dall’ipotesi di partenza. Dal mandatario, cioè. Se l’ipotesi sulla quale il professor Ponti lavora, la stabilisce un politico favorevole alla Tav, facile che i benefici vincano. Se la stabilisce un politico contrario alla Tav, probabile che prevalgano i costi. Se il politico incarica il professor Ponti di valutare anche la minor produzione di latte delle vacche della Val di Susa, prede dell’esaurimento nervoso per via della Tav, i costi aumentano. Se pretende di sapere quanto costa se la signorina Nina non la darà più al signor Bortolo per via dei rumori del cantiere, lo stesso. Decide la politica e solo la politica. In questo caso, il ministro Toninelli. Il problema sta tutto qui: che Toninelli, com’è ormai pacifico, ha la sveglia al collo. Però è convinto che ce l’abbiamo noi. E dargli torto è dura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • oliolà

    04 Novembre 2018 - 20:08

    Su costi e benefici vorrei fare un discorso serio: è un pochino come al poker quando mediti su un rilancio pazzesco e il piatto è ricco. I costi sono lì, belli e squadernati, i benefici dipendono da tante cose, non ultimo, dal culo, tuo e di chi, secondo te, è in bluff. L'immagine di Toninelli con la sveglia al collo mi distoglie dall'esser serio. Però, al collo, ci vedo un bel campanaccio, come quello delle mucche con l'esaurimento nervoso.

    Report

    Rispondi

Servizi