L'effetto lassativo delle elezioni per il rinnovo dell'Ordine dei giornalisti

Alle urne il 1° ottobre. Secondo le nuove regole fissate dal decreto legislativo approvato nello scorso marzo. Ed è subito corsa al gabinetto

30 Settembre 2017 alle 06:00

L'effetto lassativo delle elezioni per il rinnovo dell'Ordine dei giornalisti

Giornalisti alle urne il 1° ottobre per il rinnovo dell’Ordine, secondo le nuove regole fissate dal decreto legislativo approvato nello scorso marzo. Il numero dei consiglieri nazionali passerà da 156 a 60. E’ stato introdotto il rapporto di 2 a 1 a favore dei professionisti, cioè di coloro che svolgono la professione in modo esclusivo e hanno sostenuto un esame di stato. Quindi, 40 dei 60 consiglieri saranno professionisti, 20 pubblicisti. Fra i 60, ne saranno scelti 12 che andranno a formare il Consiglio di disciplina: perderanno le funzioni amministrative per occuparsi degli aspetti deontologici. Adesso vado di là che mi scappa la cacca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    30 Settembre 2017 - 13:01

    Ordine dei giornalisti, camere di commercio e le votazioni su Rousseau sono la sublimazione dell'inutilità fine a se stessa.

    Report

    Rispondi

Servizi