cerca

"Una poltrona per due" e non solo. I classici di Natale rivisti con sguardo contemporaneo

Misoginia, violenza, linguaggio offensivo, omofobia. Rassegna dei film propinati a ripetizione sotto le feste dalla tv generalista, con la lente del moderno politically correct

24 Dicembre 2018 alle 06:27

Natale non è natale senza classici televisivi. È difficile programmare film generalisti tenendo conto della sensibilità di tutti. La morte ti fa bella? Offende le donne che non si piacciono, demonizza la chirurgia plastica. Pretty Woman? Il titolo non può passare la censura, urla donna oggetto, e neanche il messaggio: puoi sentirti realizzata solo con un uomo che per risparmiare sul tuo tariffario ti sposa. Mary Poppins? Tutti bianchi ricchi e viziati, a questo punto tanto vale un documentario sui suprematisti alt right, o Il Piccolo Lord che è la storia di uno sugar daddy che cresce il futuro Donald Trump, per fortuna è del 1980 e ormai la videocassetta è marcita in qualche scaffale. È passato parecchio tempo e possiamo rivedere i classici con uno sguardo contemporaneo.

Manuel Peruzzo

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi