Chiesa di padre in figlio

Una storia fiorentina. Oggi c’è Federico, che corre come Enrico e calcia come lui. A vent’anni, senza tatuaggi né supercar, è il prescelto. Anche quando si tratta di affrontare i nemici storici

9 Febbraio 2018 alle 19:21

Chiesa di padre in figlio

Federico Chiesa (foto LaPresse)

Scuola primaria Dante Alighieri, Peccioli, provincia di Pisa. La maestra chiede ai bimbi di prima di disegnare una chiesa. Vittorio apre l’astuccio, prende i colori e va. I compagni scelgono il giallo o il rosa tipico delle facciate delle chiese stuccate, alcuni il beige della pietra medievale. Poi il rosso delle tegole, il marrone dei portali, il verde, l’azzurro e di nuovo il rosa per i rosoni. Vittorio come gli altri sceglie il rosa. Poi il viola e l’arancione. E’...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi