CALCIO SENZA AVVENIRE

Il derby di Milano come metafora ha rotto le balle. Il Carpi in A darà nuovi luoghi comuni. Disastro Liverpool

20 Aprile 2015 alle 20:46

CALCIO SENZA AVVENIRE

Il manager del West Ham, Sam Allardyce, fa un ballo propiziatorio a bordo campo. Non servirà: la sua squadra è stata sconfitta 2-0 dal Manchester City (foto LaPresse)

Londra. Per ogni tifoso del Liverpool, ma in generale per ogni tifoso di calcio inglese, vedere Suárez azzannare i mangia lumache francesi in Champions League la scorsa settimana è stato un colpo duro, durissimo. Pensare che meno di un anno fa l’attaccante uruguayano stava portando i Reds a sfiorare il titolo – perso solo per la dabbenaggine di Gerrard e la scarsa tenuta psicologica della squadra di Rodgers – e oggi si burla di David Luiz indossando l’immonda casacca rossa e blu del Barcellona è uno shock difficilmente superabile. Se c’è qualcuno in società che ha realisticamente pensato che Mario Balotelli avrebbe potuto sostituire Suárez dovrebbe darsi a un altro sport seduta stante. Il Liverpool ha già fallito tutti gli obiettivi stagionali, e si appresta a chiudere un’altra stagione mediocre candidandosi a pieno titolo a Milan (o Inter, fate voi) d’Inghilterra. Domenica aveva l’occasione per salvarla, la stagione, giocando a Wembley la semifinale di Fa Cup contro l’Aston Villa, impantanato nei bassifondi della Premier League. Passati in vantaggio con Coutinho, i Reds si sono fatti reggiungere e superare. Il 30 maggio guarderanno in tv la finale, assistendo anche a un altro paradosso calcistico: per il secondo anno consecutivo l’Arsenal di Arsène Simpatia Wenger può alzare la coppa nazionale più affascinante del mondo, perpetuando l’agonia dei gooner che vorrebbero finalmente vedere qualcun altro sulla panchina della loro squadra. Posto che il titolo lo vincerà il Chelsea, al solito cinico nella vittoria che ha stoppato le velleità dello United, resta da capire chi tra i due Manchester andrà in Champions League senza preliminari. Con una certezza: la squadra di Pellegrini è da rifondare per la prossima stagione, senza Pellegrini; quella di Van Gaal è pronta a far godere di nuovo i suoi tifosi.

 


Leggete questo articolo lanciando


 

Basta cazzate. Il derby dei poveri di Milano. Le squadre che non lottano nemmeno per un posto in Europa. Il blasone sfregiato. I tempi di gloria andati. Nemmeno il tutto esaurito allo stadio. Lo zero a zero che è l’immagine dell’amarezza di una partita un tempo riverita. Non parliamo poi del numero di italiani in campo e in tribuna. Ma da quanto vanno avanti con queste storie? Tutto vero, per carità, ma magari è ora di cambiare il disco rotto del giornalista sportivo sulla Milano in crisi, che poi è sempre il riflesso di un’altra crisi, morale, di valori, civile, di costumi, urbanistica, economica, di classi dirigenti rattrappite e che non si rinnovano. Che palle. Quest’anno si è aggiunta pure la geremiade di circostanza, che va pronunciata alzando gli occhi al cielo grigio dove si staglia la Madonnina: “Ma tutta questa tristezza proprio nell’anno dell’Expo?”. Eh sì, proprio nell’anno dell’Expo, signora mia. La cosa curiosa, poi, è che la partita è stata molto meno peggio del circo decadente che le hanno montato intorno per una specie di contratto che tacitamente si rinnova ogni anno. Alla vigilia del derby si apre la panciuta cartellina “crisi di Milano” e si estraggono a caso aneddoti e dati da mettere in fila per riscaldare la zuppa. Altra cartellina fondamentale per il giornalista che si avvia verso la desertica estate del calciomercato e dei ritiri è quella “piccole provinciali crescono”, solito espediente di rango minore per fingersi Piovene e raccontare l’Italia attraverso le squadre che arrivano in Serie A. Il giornalista sportivo spera sempre in qualche outsider per rinverdire il prontuario dei luoghi comuni sulla provincia e il Carpi offre ottimi spunti che gratuitamente suggeriamo: la crisi del distretto del tessile, l’operosità emiliana, i cinesi, il sorpasso del capoluogo di provincia, Modena, che rimane in serie B. Obbligatorio fare l’ennesima ricognizione calcistico-antropologica sul terremoto dell’Emilia e lo stato della ricostruzione, così come il trasversale derby infraprovinciale con il Sassuolo, che è anche uno scontro di civiltà, perché la maglieria carpigiana è terreno di conquista degli asiatici, la piastrella sassolese raccoglie forza lavoro dal Maghreb. Quante cose s’imparano nella provincia globalizzata. Si spera, naturalmente, che anche il Frosinone arrivi in Serie A, per dare nuovi derby laziali e massime di vita ciociara su cui tratteggiare gentilmente un mondo che non c’è più. Di rigore, infine, occorrerà produrre liste su tutte le squadre di provincia che hanno avuto il loro inaspettato momento di gloria nel recente passato, a cominciare da Castel di Sangro e Albinoleffe.

 


Topa in pagina. Natalia Velez, assidua lettrice di Avvenire, è una grande appassionata di calcio, anche se preferisce il filo alla rete.


 

[**Video_box_2**]Come una litania stanca. Vedo con grandi sbadigli che sui vostri media si è tornato a parlare di tifosi violenti, stadi poco sicuri, squadre ostaggio degli ultras, eccetera. Sbadiglio non perché tutto ciò non sia un problema serio, ma perché so già come andrà a finire: molti politici indignati, altrettanti editorialisti che si stracciano le vesti, interventi su radio e tv di “addetti ai lavori” (chiedo scusa) che dicono che non se ne può più, è ora di dire basta, e che propongono ricette per risolvere il problema. Parecchi articoli sul “modello inglese” (vomito), qualche legge inutile voluta dal ministro di turno, appelli alla costruzione di stadi di proprietà, e poi più niente. Fino alla prossima volta, quando il circo riaprirà i tendoni e si ripeteranno le stesse cose.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi