cerca

Il primo terremoto (registrato) su Marte

L'ha rilevato il lander InSight e potrebbe essere utile per sondare la struttura interna del pianeta rosso

24 Aprile 2019 alle 17:27

Il lander della Nasa InSight, arrivato su Marte lo scorso novembre dopo un viaggio di 7 mesi, ha rilevato qualcosa di unico: potrebbe trattarsi del primo terremoto marziano mai registrato nella storia dell’esplorazione del pianeta. InSight ha depositato al suolo il 19 dicembre scorso un sismometro estremamente sensibile (Seis) e ha avviato le rilevazioni. Gli scienziati stanno ancora esaminando i dati per determinare la causa esatta del segnale ed escludere che si sia trattato di una falsa rilevazione causata dal vento marziano o da qualche movimento inatteso del lander. La scossa è stata troppo debole per fornire informazioni utili sulla composizione rocciosa di Marte ma servirà a valutare il funzionamento dello strumento. La superficie marziana è estremamente silenziosa, il che consente a Seis di percepire rumori anche debolissimi. Al contrario, la superficie terrestre è continuamentesottoposta a vibrazioni a causa dal rumore sismico creato dagli oceani e dalle intemperie. Un evento di queste dimensioni sulla Terra sarebbe andato perso tra decine di piccoli crepitii che si verificano ogni giorno. InSight ha misurato un debole segnale sismico il 6 aprile 2019 e tre altri eventi il ​​14 marzo, il 10 aprile e l'11 aprile, ma questi segnali sono ancora più piccoli e più ambigui in origine, il che rende difficile determinare la loro causa. 

    

Il sismografo nello scudo termico depositato sul suolo di Marte dal braccio robotico di InSight (Nasa)


  

Gli anglosassoni, che definiscono i terremoti terrestri “earthquake” – dalla crasi di Earth (Terra) e quake (tremore) – hanno coniato il neologismo “Marsquake”. L'individuazione e l'analisi dei marsquake potrebbe essere utile per sondare la struttura interna del pianeta rosso e per capire se qualcuno dei molti vulcani di Marte è attivo oppure no. Mentre i terremoti sono stati osservati e ben documentati sulla Luna, e oltre ad avere testimonianze convincenti di terremoti su Venere, si sa molto poco sull'attuale attività sismica di Marte. Alcune stime suggeriscono che si verifichino molto raramente, addirittura una volta ogni milione di anni. Tuttavia, sono state trovate prove convincenti del fatto che Marte in passato sia stato sismicamente attivo, con strisce magnetiche chiare su un'ampia regione del Marte meridionale. 

   

InSight – che sta per Interior exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport – è la prima missione che studierà l’interno di Marte non solo per capire come si sia formato il pianeta ma anche per capire come mai, pur avendo la stessa età (4,5 miliardi di anni), Marte e la Terra non stanno condividendo lo stesso destino.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi