Leu apre al M5s

“Abbiamo fatto bene ad allearci con Zingaretti. Adesso dobbiamo lavorare con Di Maio”. Parla Fassina

8 Marzo 2018 alle 14:48

Leu apre al M5s

Stefano Fassina (foto LaPresse)

Roma. Se gli si chiede un mea culpa, subito protesta. “Io non avevo detto che ero contrario all’alleanza con Nicola Zingaretti”. Stefano Fassina ci tiene a precisare: “Avevo detto che non c’erano le condizioni programmatiche, all’epoca, per un’alleanza”. Il che, osserva l’economista romano, appena rieletto alla Camera con Liberi e Uguali, “è cosa ben diversa”.

 

Sarà, Fassina, ma molti la videro come una sua chiusura al Pd.

“Al contrario. Proprio inducendo Zingaretti a rinunciare all’accordo con Beatrice Lorenzin, e a prendere impegni seri su ambiente e sanità, ho contribuito a far maturare le condizioni perché si trovasse la quadra”.

 

Insomma, riconosce che allearsi con Zingaretti…

“Era la scelta giusta, sì”.

 

Quello del Lazio è un modello, per ricostruire un centrosinistra largo?

“Non c’è dubbio che bisogna superare l’attuale divisione. Ma ci andrei piano a parlare di modelli: le questioni da risolvere, sul piano nazionale, sono molto più complesse”.

 

Però diciamocelo: Leu non è andata affatto bene il 4 marzo.

“Non ho difficoltà ad ammettere l’insuccesso. Del resto, ci siamo presentati a queste elezioni non come una forza politica nuova, ma come un Pd pre-Renzi”.

 

Una riedizione della “Ditta”?

“Una riedizione dello stesso programma, più che altro. Senza alcun ripensamento su questi trent’anni di neoliberismo”.

 

Serve una rottamazione in Leu?

“Non ho paura a dirlo. A patto che però si intenda rottamazione come riforma di proposta e di idee, non come semplice ricambio generazionale”.

 

Che fare, coi Cinque stelle?

“Dobbiamo certamente dare disponibilità al dialogo. Su lavoro ed economia c’è piena sintonia. Conosco e stimo molto il professor Pasquale Tridico, indicato da Di Maio come ministro del Lavoro”.

 

Se è per questo, lei stima anche Alberto Bagnai.

“Non lo nascondo. Ma la sua scelta di schierarsi con la Lega lo pone sulla sponda opposta rispetto alla nostra”.

 

E invece i grillini da che parte stanno?

“Io dico che sulle questioni socio-economiche, e su quelle che riguardano l’eurozona, ci sono le condizioni per un’intesa. La svolta, però, in Parlamento può imprimerla solo il Pd. I nostri numeri sono quelli che sono”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tonyreleone

    08 Marzo 2018 - 17:05

    L'alleato naturale di fassina e' il piu' odiato e inutile politico che si dichiara di sinistra ma destrosio nei contenuti e da sempre in cerca di poltronissime: massimo d'alema. Poi ci sono gli altri suoi simili, cospiratori e scissionisti per assicurarsi una poltrona che pochissimi hanno ottenuto. Idee e senso di appartenenza: zero.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    08 Marzo 2018 - 16:04

    Il Pd ,povero esso, è una piccola comunità circondata da un grande deserto dove vagano le menti più eccelse del sinistrismo mondiale,i Cuperlo,i Fassina,i Civati, ora Bersani, Piero Grasso,Laura Boldrini,D'Attorre ed altri scurnacchiati che vedono ancora lo spettro di Charlie Marx aggirarsi sull'Europa, non essendosi accorti che quello spettro era uno scherzo da prete di Engels al suo amico Karletto. Ma non era Hollywood la mecca del cinema ,dove si fabbricano i sogni ,spesso fasulli? Già. Ora con le libere produzioni le boiate si possono fare anche sotto casa. lds

    Report

    Rispondi

Servizi