cerca

La prossima guerra civile sarà tra musulmani e animalisti

Lo storico del futuro, studiando l’episodio delle ragazze velate aggredite da coetanee sull’autobus di Torino, ne ricaverà che nel 2019 il simbolo delle giovani maomettane era il velo, mentre quello delle giovani italiane era il cane. Non certo la croce

21 Marzo 2019 alle 19:10

La prossima guerra civile sarà tra musulmani e animalisti

Foto via Wikimedia

Simone Maccabeo, preso dallo sconforto per la mia patria ridotta a espressione geografica, agitata da autisti senegalesi, ambientaliste svedesi, presidenti cinesi, leggo la Bibbia ad apertura di pagina e dal fondo dei secoli mi arriva la tua voce: “Si sono radunati tutti i pagani per sterminarci, spinti dall’odio”. Siamo sempre lì. Ma tu avevi il vantaggio di confini culturali netti, di un’evidente distinzione fra pagani ed ebrei. Invece per me non è facile raccapezzarsi, frontiere e bandiere stanno cambiando velocemente. Le ragazze velate aggredite da coetanee sull’autobus di Torino, per dire. Lo storico del futuro, studiando l’episodio che come quello del pullman di Crema ha tutta l’aria di un’avvisaglia di guerra civile, ne ricaverà che nel 2019 il simbolo delle giovani maomettane era il velo, mentre quello delle giovani italiane era il cane. Non certo la croce. Il conflitto musulmani-cristiani è roba d’altri tempi, il prossimo scontro potrebbe essere coranisti-animalisti… Simone Maccabeo, re di Giudea, continuo a leggere 1 Maccabei e scopro che dopo varie vittorie fosti ucciso a tradimento da un tuo generale, ossia da un altro ebreo. Siamo circondati in ogni tempo e in ogni luogo, “neppure un grande esercito può dare salvezza”, come dice il Salmista. Chiudo la Bibbia, scappo dalla storia e prego il Salvatore delle anime.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    22 Marzo 2019 - 09:09

    Carissimo Camillo, uno legge i giornali e ascolta radio e telegiornali e nota che ormai dedicano sempre maggiore spazio alle battaglie dei cosiddetti animalisti. Se poi gli capita di dover sopportare almeno una decina di ore di sofferente attesa prima d’esser visitato ad un pronto soccorso ospedaliero, matura il sospetto che la tendenza ormai e’ di garantire prioritaria attenzione e conseguente assistenza alle specie animali, domestiche o meno. Vedi gli spot che ad ogni ora ti invitano a destinare una piccola quota dei risparmi per adottare una tartaruga.

    Report

    Rispondi

  • NAPOORSO

    22 Marzo 2019 - 09:09

    Lasciamo che si scannino....poi combatteremo con il sopravvissuto

    Report

    Rispondi

Servizi